Ma Babbo Natale è gay? Lo spot natalizio unconventional delle Poste Norvegesi divide l’opinione pubblica

Nov 27th, 2021 | Di Redazione | Categoria: Editoriale, Unconvetional Marketing

Perchè no, d’altronde un simbolo non ha genere. Lo spot natalizio anti-discriminazioni di Posten Norge infuoca la sociocultura collettiva

Persino lo stimato divulgatore scientifico Piero Angela, di recente, ha fatto notare in più interventi - in prima serata tv - che l’omosessualità non è contro-natura. Eppure lo spot natalizio delle Poste norvegesi sta infuocando i nostri social e i media, italici e internazionali. Circolano infatti post con frasi esplicite tipo “ Ma che schifo” ad altri commenti sfavorevoli , benchè più appannati, tra cui “ Solo una trovata eccentrica per vendere”, oppure sconsolati “ Ma Babbo Natale non è gay”, scordandosi che il personaggio non esiste, e un simbolo non ha genere.

Ora, ben si sa, nessuno ha in la verità tasca. Non è questo il punto.
Va però precisato che la Norvegia festeggia i suoi 50 anni di depenalizzazione dall’omosessualità. Non stupiamoci, il nord Europa è sempre leader in tolleranza e inclusione.

Così, per celebrare il traguardo civile e insieme il Natale, Posten Norge - il servizio postale norvegese - ha fatto realizzare uno spot forte, così forte da risultare opinabile. Oggetto di discussioni e pareri, positivi e negativi. Non trattandosi di crimini grondanti di sangue, questo tipo di ostilità proviene psicologicamente da chi non riesce a staccarsi dagli stereotipi, comode cucce-rifugio.

Per bigotti, come per non perdere troppe energie nel pensare, nel mettere e mettersi in discussione, nell’aprire la mente all’evolversi dei tempi, usi e costumi annessi. E’ così e così resta, punto e stop. Perchè mai cambiare?

Eppure…la sociocultura collettiva non dovrebbe forse accettare il progresso, compresi quei cambiamenti necessari per essere civilmente nel 2021?

Ma diamo un’occhiata al video pubblicitario e a quanto comunica.
https://www.youtube.com/watch?v=vCd5kOGR1Jo

Il mini film racconta la storia d’amore tra il mitico Babbo Natale e un uomo qualunque, di nome Harry. Che vede per la prima volta l’icona del 25 dicembre e se ne innamora. Tra i due uomini nasce un sentimento.

Negli anni Harry attende che il suo barbuto amor arrivi anche da lui per portare i regali ( e poterlo rivedere). Finché, parecchio tempo dopo, sarà proprio Santa Claus a non voler più aspettare 364 giorni per poter incontrare nuovamente il suo innamorato. E allora delega alle Poste norvegesi la consegna dei pacchi dono, per poter trascorrere più tempo con Harry. Infine, un bacio a fior di labbra suggella questa unione non convenzionale.

Che ne dici?

di Marina Martorana
studiomarinamartorana21@gmail.com
Www.marinamartorana.it

Related posts:

  1. Progetto dedicato al Natale del Gruppo Netweek a sostegno del Banco Alimentare: “Caro Babbo Natale vorrei….”
  2. Propaganda, come manipolare l’opinione pubblica
  3. Perché a Natale torniamo tutti bambini?
  4. A Natale dillo con un post: le campagne natalizie sui social media