Marketing Creativo: 6 idee originali per i brand nel 2021

Dic 4th, 2020 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Marketing


Le tendenze del marketing cambiano con la stessa velocità dei clienti. Le forme statiche dei contenuti vengono sostituite da contenuti interattivi, la pubblicità convenzionale sta cedendo il passo al content marketing e ai contenuti informativi sul marchio, che hanno un valore aggiunto per il pubblico.

Gli esperti che lavorano per Depositphotos hanno stilato un elenco degli approcci di marketing più efficaci da utilizzare nella seconda metà del 2020 e oltre.

#1 Personalizza l’esperienza dei clienti

La personalizzazione aiuta a migliorare l’esperienza e la soddisfazione del cliente, in quanto si offre ai propri clienti l’opportunità di adattare personalmente i prodotti alle loro esigenze e desideri. Offrendo la personalizzazione ci si può distinguere facilmente dalla concorrenza e conquistare dei clienti fedeli.

Un esempio sono i casi del brand di profumi Jo Malone e di Dolce & Gabbana. Per eventi stagionali come San Valentino (così come su base regolare a un costo aggiuntivo) offrono la personalizzazione dei loro prodotti. Jo Malone dà l’opportunità di incidere qualsiasi frase su un flacone di profumo, mentre da Dolce & Gabbana è possibile ottenere un disegno a mano personalizzato su borse e scarpe.

#2 Avvia una serie di podcast tematici

Le statistiche mostrano che, solo negli Stati Uniti, 144 milioni di persone hanno ascoltato un podcast e questo numero continua a crescere.

Sempre più persone optano per i podcast perché consentono alle persone di aggiornarsi facilmente sulle ultime notizie mentre svolgono altri compiti, e risparmiare così tempo su base giornaliera. Anche l’uso diffuso di altoparlanti intelligenti e altre tecnologie vocali apre la strada a un futuro luminoso per il podcasting.

Secondo Juniper Research, le persone useranno oltre 8 miliardi di assistenti vocali digitali entro il 2023 rispetto ai 2,5 miliardi alla fine del 2018. Ciò significa che il 2021 potrebbe essere il momento giusto per organizzare l’attività con un podcast pertinente alla natura della tua attività.

Consente di raggiungere un’intera varietà di obiettivi a seconda del formato scelto. Intervistando dei professionisti del settore, sarà possibile stabilire competenze sul mercato e rafforzare l’immagine del proprio marchio. Si può scegliere su cosa concentrarsi decidendo di investire in questo tipo di attività, ma dovrà essere sempre in tema con il proprio business o dedicato a un campo più ampio.

#3 Crea video esplicativi

Lo stato del marketing video è promettente e stimolante. Negli ultimi tre anni, il numero di aziende che utilizzano i video come strumento di marketing è cresciuto di quattro volte.

Inoltre, Cisco prevede che entro il 2022 la maggior parte del traffico internet sarà dedicato ai video. Un altro fatto significativo è che il 96% delle persone ha guardato video esplicativi per saperne di più su un prodotto o un servizio.

Questi video brevi e spesso animati attirano l’attenzione del pubblico in quanto non hanno l’aspetto degli annunci classici, il cui scopo principale è vendere. Questi non sono gli unici vantaggi del marketing video.

Oggi, inoltre, non serve investire molte risorse per la creazione di video. Si possono utilizzare strumenti di progettazione grafica come Crello per creare grafici esplicativi animati e coinvolgere ancora di più il tuo pubblico. Per andare oltre, si possono creare dei video interattivi o applicare una delle idee anti-crisi

#4 Apri il tuo blog del brand

Il blogging è sicuramente una strategia vantaggiosa per tutti quando l’obiettivo è quello di aumentare le vendite con l’aiuto del marketing creativo. Serve come strumento di comunicazione tra il marchio e i clienti, consente di trovare più facilmente l’attività su internet e indirizza il traffico ad un determinato sito web.

Secondo Hubspot, gli esperti di marketing che investono nel blog hanno 13 volte più probabilità di vedere un ROI positivo. Il lato creativo di questa idea di marketing sta nel fatto che si possono sperimentare con diversi formati.

Si possono intervistare persone, scrivere articoli lunghi e approfonditi, istruzioni, funzioni e colonne e creare anche delle infografiche.

Con tecniche SEO approfondite, la qualità dei contenuti prodotti e l’esperienza delle persone intervistate, i blog possono aiutare a indirizzare più utenti al proprio sito web. Con la giusta strategia, il traffico verso il blog aumenterà costantemente.

#5 Opta per collaborazioni inaspettate con marchi e influencer

A seconda delle risorse dedicate al marketing digitale, si può determinare la portata della collaborazione più vantaggiosa per la propria azienda.

In primo luogo, la maggior parte delle partnership aiuterà a ottenere un ritorno maggiore poiché si scambierà il database con il partner. Nel caso in cui la collaborazione con un’altra azienda diventi virale e diventi di tendenza, si spargerà la voce anche sul proprio marchio o prodotto.

Con il partner, è possibile organizzare eventi in comune, concorsi, scambiare post di ospiti sui social media o nei blog e trovare qualsiasi tipo di idea che possa funzionare considerando la nicchia dei marchi.

Si può anche provare a collaborare con un influencer o una celebrità, traendo ispirazione da Apple, che nel 2018 ha annunciato una partnership pluriennale con Oprah Winfrey, Reese Witherspoon, Jennifer Aniston e altri. Insieme, produrranno contenuti per il servizio Apple TV+ e, quindi, uniranno il pubblico dei fan dell’azienda e delle celebrità.

#6 Adotta un approccio di guerrilla marketing

Il guerrilla marketing è una pratica per implementare strategie non convenzionali e per attirare le persone in modo più audace. Per aumentare la consapevolezza del marchio e ottenere un gruppo di clienti fedeli offrendo alcuni omaggi, Sprite ha posizionato enormi macchine brandizzate con acqua sulla spiaggia.

Ora ogni persona che fa la doccia è in grado di interagire con il marchio e diventare consapevole del fatto che Sprite si prende cura delle persone e dei suoi clienti in particolare.

Per lanciarsi nel guerrilla marketing con meno investimenti, ci si può rivolgere a cartelloni pubblicitari, poster e persino installazioni, includendo un codice QR che porterà al proprio sito web o ai social media e presenterà il marchio a più persone. Un’altra idea brillante è integrare elementi di narrazione visiva nella campagna.

La narrazione visiva è un modo per raccontare una storia usando le immagini. In questo caso, le immagini possono essere statiche, animate o rappresentare una forma ibrida di contenuto (ad esempio, i filtri RA su Instagram).

Non esiste una regola per quanto riguarda il testo che può accompagnare una storia fatta di immagini. Tuttavia, la narrazione visiva riguarda la condivisione di contenuti in cui le immagini (non le parole) trasmettono l’essenza della tua narrativa.

Ad esempio, un annuncio della macchina fotografica Kodak del 1934 descriveva quanto fosse semplice e divertente ottenere una fantastica foto Kodak utilizzando una guida narrativa. L’immagine suggeriva solo l’argomento della storia. Questo era un esempio di narrazione tradizionale.

La pubblicità di Gillette, pubblicata nel 1905, al contrario, era quasi priva di parole.

Per i dipartimenti di marketing, la narrazione visiva è un doppio successo considerando il pubblico target. Da un lato, un’immagine può veicolare più informazioni, supera più facilmente i confini culturali e richiede meno tempo per essere letta. D’altra parte, le storie sono più coinvolgenti degli articoli e aiutano le persone a ricordare le informazioni fornite per la loro capacità di connessione.

La narrazione visiva può essere applicata a diversi livelli di comunicazione, tra cui il branding globale, le campagne di marketing stagionali, la strategia del marchio per un determinato singolo social network e le singole pubblicazioni. Più è alto il livello di integrazione della narrazione, più è efficace. Inutile dire che nel 2020 la narrazione visiva è comunemente utilizzata sulle piattaforme di social media. Tuttavia, qualsiasi sito web e app può includerne degli elementi.

• Forme tradizionali di narrazione: foto, illustrazioni, gif, infografiche, video, flusso di utenti del sito web

• Forme di narrazione visiva ibride del 2020: storie che includono una serie di immagini statiche e dinamiche, sfide e flash mob sui social network, design di account, filtri RA, trasmissioni in diretta, videoconferenze, sondaggi, collaborazioni complesse con influencer, un gioco con geo-tag e molto altro

In altre parole, una storia può essere letteralmente creata a partire da qualsiasi cosa. L’unico requisito è il seguente: il tuo pubblico deve essere armato di laptop e smartphone.

Corrispondenza degli elementi della narrazione visiva

Ogni storia ha un’idea, un eroe e un antieroe e si svolge all’interno di un universo specifico. Gli eventi che si susseguono uno dopo l’altro formano la trama e sono incorporati (non sempre in ordine cronologico) nella struttura della tua storia. La struttura di quasi ogni storia richiama quanto segue:

• Conoscenza dell’eroe e del suo contesto (introduzione)

• Incontro dell’eroe con l’antieroe (climax)

• Descrizione del risultato della vittoria o della perdita dell’eroe (completamento e conclusione).

Un altro elemento integrante della storia è il suo stile. Per scegliere lo stile giusto per la tua storia visiva, devi lavorare su una mood board della campagna creativa e analizzare il contesto dell’utente. Il tuo pubblico ha il tempo di studiare la tua storia per 10 minuti? Quali colori dovresti usare per far risaltare la tua storia visiva rispetto all’ambiente visivo circostante? Quali associazioni dovrebbe evocare l’estetica della tua storia visiva?

Nel caso della comunicazione del brand, il prototipo dell’eroe diventa spesso il prodotto o il cliente target e l’antieroe è l’incarnazione del problema che il prodotto o il servizio aiuta a risolvere. Tuttavia, questa non è una regola.

Molto prima dell’era di Internet, il concetto di product placement è nato a Hollywood, e descrive letteralmente una situazione in cui il tuo prodotto non diventa un elemento della trama, ma rimane parte dell’universo del film.

Considerazioni finali

Qualunque sia l’idea di marketing creativo che si sceglie di implementare per prima, bisogna assicurarsi di tradurre con essa la personalità del proprio marchio.

Si può fare stabilendo un tono di voce particolare e utilizzando immagini stock che si relazionano al pubblico nel modo migliore. Si può usare la libreria di Depositphotos per trovare le immagini adatte.

E, cosa più importante, non bisogna avere fretta e cercare di pianificare e preparare attentamente la campagna in modo da non dover correggere eventuali errori che si presenteranno.

Le ricerche di mercato e la comprensione del pubblico di destinazione dovrebbero aiutare a creare una campagna che funzioni in modo efficace per la propria attività.

Ricorda counque sempre che ‘Qualsiasi risultato eccezionale è sempre il risultato di una serie di piccole azioni!’

Related posts:

  1. Dal brand-DNA al viral-DNA 1° principio del marketing non convenzionale - Unconventional Marketing a capitoli: appunti e spunti di Danilo Arlenghi
  2. Il Real Time Marketing ed i brand che lo usano efficacemente sui social network
  3. Storie di marketing: un brand alla volta, Kit Kat
  4. Quanto conta avere idee chiare? Il geniale brief della 2CV