Mercato Birra Italia: crescita a doppia cifra nella GDO ma crollo nel fuori casa

Apr 6th, 2021 | Di Redazione | Categoria: Imprese e Mercati

Secondo i Dati di IRI Italia nel 2020 le vendite di birra hanno superato per la prima volta il fatturato di 2 Miliardi di euro (Totale Italia GDO incluso Discount), consolidando anche in questo difficile anno la sempre maggiore centralità della categoria all’interno del comparto del Largo Consumo Confezionato.

Ancora una volta i risultati di fatturato (+10,7%) sono migliori rispetto al trend dei volumi, che restano comunque estremamente positivi (+9,0%). Questo dato è influenzato in particolar modo dalla diminuzione dell’attività promozionale che, seppure molto alta (49,8%), scende rispetto all’anno precedente (-2,6 punti).

La grande positività dei risultati che hanno ripreso la loro corsa a «double digit», dopo un 2019 in cui la crescita era stata più limitata (+3,0%), trova le sue ragioni principali nello spostamento dei consumi dal mercato del fuori casa, verso un consumo casalingo.

ANDAMENTO NEI VARI SEGMENTI PRODUTTIVI

La forzata razionalizzazione dello scaffale dovuta ai problemi logistici durante il periodo di lockdown ha coinvolto anche il mercato della Birra. Il segmento più colpito è stato quello delle Birre Speciali che hanno registrato un calo di 10 referenze medie a scaffale a Marzo e ad Aprile; tuttavia il segmento ha continuato a mostrare una certa dinamicità (+18,9% a valore).

La realtà delle Birre Speciali è ormai consolidata: a valore è infatti il secondo segmento del mercato con una quota del 18,9%. Anche le Birre Standard crescono molto velocemente (+9,5%), mentre le Birre Sophistication, che hanno un prezzo/litro leggermente superiore alle Birre Standard, mostrano dei trend positivi ma a tassi più contenuti (+5,9%). In crescita anche gli altri segmenti: Saving +7,1%, Beer Mix +3,9% e Analcoliche Light +4,9%.

IL BOOM DEI DISCOUNT

In questo contesto, il Discount sta crescendo a tassi quasi doppi rispetto agli altri canali (+15,7% a volume), mostrando una spiccata vivacità sia a parità di rete che in termini di nuove aperture di punti di vendita.

Va sottolineato inoltre che tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021 gli assortimenti medi a scaffale sono tornati in territorio positivo: un fattore che potrà sicuramente giovare al trend di tutta la categoria della Birra. In linea con l’intero comparto del Largo Consumo Confezionato, anche per la categoria della Birra, l’innovazione è stata sostanzialmente azzerata nel 2020 e rimandata al 2021.

Emerge un trend dei volumi molto positivo per il segmento delle Birre Analcoliche Light con l’obiettivo strategico di allargare le occasioni di consumo della categoria per incrementare il consumo pro-capite. La ricerca sulla qualità del prodotto delle Birre non alcoliche e una maggiore visibilità all’interno del Punto di Vendita sono alcune delle strategie volte a far crescere i consumi.

Related posts:

  1. Mercato Vending: il quadro competitivo nella distribuzione automatica in Italia
  2. NASCE “PAWSE”, LA PRIMA BIRRA PER CANI REALIZZATA IN ITALIA
  3. Birra FORST è la ‘birra ufficiale dello Sci’ e partner dei Campionati del Mondo a Cortina
  4. Sempre più italiani scelgono l’acqua del rubinetto, anche fuori casa