Misurazione dei risultati - Pillole di ufficio stampa a cura di Giorgio Vizioli

Giu 14th, 2020 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Comunicazione, Editoriale


L’attività di ufficio stampa, l’abbiamo detto più volte, non è un modo per ottenere visibilità risparmiando sulla pubblicità. È una funzione aziendale geneticamente diversa. È un modo di fare informazione, proponendo il punto di vista di una determinata azienda, o associazione, o soggetto. E anche la visibilità che ne deriva è intimamente diversa: si tratta di una conoscenza argomentata, concettuale, approfondita, discussa.

Ma tuttavia, non possiamo negare che anche la visibilità che otteniamo sui media contribuisce a creare una reputazione e un’immagine che si riverberano sui nostri prodotti, sui nostri servizi e sulle nostre attività in generale, avvantaggiandoci sul mercato.

Quindi, fatte queste debite premesse, come si possono misurare i risultati dei una campagna stampa in termini di visibilità? Un tempo, quando la comunicazione era tutta cartacea, stampata, si utilizzavano i tariffari della pubblicità, che per ogni testata riportavano il costo dello spazio. Quindi si misurava lo spazio occupato dall’articolo, se ne calcolava la superficie e, in base al tariffario, si otteneva un valore monetario.

Ovviamente era un sistema improprio, perché un articolo non ha lo stesso impatto visivo di un annuncio pubblicitario, ma al tempo stesso ha un maggiore valore in termini di credibilità. Ma era l’unico modo per avere comunque un riferimento su come andavano le cose, anno dopo anno.

Ora, con l’avvento del digitale, tutto questo non è più possibile. Occorrono sistemi di rilevazione delle testate digitali, che ci diano il numero delle volte che il nostro articolo è stato aperto. Un’operazione complessa e costosa, che comunque rimane una forzature

In conclusione, forse non è opportuno (così come non lo era in passato) cercare di valutare in maniera strettamente quantitativa l’operato di un ufficio stampa, che è una funzione eminentemente strategica e che quindi va collegato con l’andamento generale dell’organizzazione.

Giorgio Vizioli. Giornalista e comunicatore, dal 1990 titolare dell’Agenzia Studio Giorgio Vizioli & Associati di Milano (www.studiovizioli.it), ha ricevuto il Premio “Ufficio Stampa di Eccellenza 2019” del GUS (Giornalisti Uffici Stampa) Lombardia
Membro del Comitato Direttivo del ClubMC
giorgio.vizioli@studiovizioli.it
www.studiovizioli.it

Related posts:

  1. La qualità e la quantità - Pillole di Ufficio Stampa a cura di Giorgio Vizioli
  2. La smentita - Pillole di Ufficio Stampa a cura di Giorgio Vizioli
  3. L’ufficio stampa “mutato” al tempo del Covid 19 - Pillole di Ufficio Stampa a cura di Giorgio Vizioli
  4. La telefonata di appoggio - Pillole di Ufficio Stampa a cura di Giorgio Vizioli