Nasce “Champions for change” con un flashmob a Milano

Set 28th, 2021 | Di Redazione | Categoria: Unconvetional Marketing


“Champions for change”, movimento di sport social responsibility nato per restituire allo sport i suoi valori, ha preso il via con un flashmob, chiara azione di marketing non convenzionale organizzato presso l’Arco della Pace di Milano, a cui hanno partecipato 70 sportivi di 50 sport diversi

Lunedì 27 settembre un grande flashmob presso l’Arco della Pace di Milano con 70 sportivi di 50 sport diversi ha sancito la nascita di “Champions for change”, il primo movimento di sport social responsibility nato per restituire allo sport tutta la sua forza valoriale. Al movimento hanno già aderito numerosi personaggi appartenenti al mondo dello sport e del giornalismo e molti altri stanno ancora aderendo.

Il manifesto

Nel manifesto di “Champions for change” si legge: “I campioni dello sport, di tutti gli sport, sono modelli in grado di spingere altre persone verso comportamenti migliori per il benessere proprio, della Società e anche del Pianeta. Lo sono perché mettono al centro l’essere umano nella sua completezza fatta di muscoli e nervi, cuore e cervello, in costante scambio con la Natura che lo circonda e con la Comunità nella quale vive.

Noi crediamo che l’importante sia vincere, non partecipare, ma diamo alla vittoria un significato più ampio del vincere una partita: vince chi si prende cura non solo del suo angolo di mondo, vince chi valorizza le differenze e combatte ogni forma di discriminazione, vince chi aiuta chi ne ha bisogno, vince chi corre per sé stesso ma anche per la comunità, vince chi accetta con orgoglio la sconfitta, accettando serenamente i propri limiti, e la trasforma così nella vittoria più grande. Il mondo ha bisogno di Campioni del cambiamento”.

Related posts:

  1. Pepsi ha inaugurato la finale di UEFA Champions League insieme alla star Marshmello
  2. pepsi a sostegno della partnership con UEFA Champions League
  3. Calendario Lavazza 2022 si affida alla creatività di Emmanuel Lubezki e Armando Testa e invita ad agire per un cambiamento positivo: ‘I can change the world’
  4. Milano crede nel ‘b-travel’, nasce il Convention Bureau