Natale 2021: come impostare una campagna di Email Marketing

Dic 17th, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Comunicazione, Marketing


Il periodo natalizio si avvicina e non hai ancora preparato una strategia per le tue campagne email? Ecco qualche consiglio pratico e qualche dato sull’evoluzione di questa festività nello scenario post-Covid attuale per mettere a punto la giusta strategia di Email Marketing.

Un quarto della domanda annuale di un e-Commerce si concentra nel periodo natalizio. Ma cosa aspettarsi da Natale 2021? Ci siamo lasciati la pandemia (quasi del tutto) alle spalle, eppure l’emergenza sanitaria ha lasciato un’impronta indelebile sulle abitudini di acquisto dei consumatori.

Quest’anno le vendite digitali supereranno 1 trilione di dollari a livello globale, ma secondo gli esperti ci saranno molte novità: lo shopping natalizio di quest’anno si preannuncia molto diverso dagli anni passati.

Come devono prepararsi al Natale 2021 i brand e le aziende in Italia? Proviamo a fare qualche previsione su cosa accadrà nei prossimi 2 mesi sulla base di statistiche e trend emersi già durante lo scorso anno dai nostri studi e a dare qualche consiglio a chi punta molto sul Natale, oltre che su Black Friday e Cyber Monday,per concludere l’anno in attivo.

E l’Email Marketing? Quale sarà il suo ruolo quest’anno? Abbiamo qualche dato interessante da condividere che potrebbe farti rivedere la tua strategia di Email Marketing per la campagna email di Natale 2021.
Come è cambiato il modo di comunicare e di intercettare i consumatori dopo la pandemia?

Il 2020 sarà ricordato da tutti come l’anno dei lockdown e dell’emergenza sanitaria; ma per le aziende e per chi lavora nel marketing sarà anche l’anno della rivoluzione digitale di massa.

Secondo il report di Salesforce il 58% delle interazioni con i brand nel 2020 è avvenuto online

(+17% rispetto al 2019). Questo trend lo si è riscontrato sin da subito: sul bacino di clienti MailUp, già nei primi mesi dall’avvento della pandemia, si è assistito a un picco non solo nei volumi di invio (arrivando a casi di clienti che hanno persino quintuplicato i loro invii), ma anche nei tassi di apertura (fino al 40%) e di clic (fino al 15%), oltre che a un considerevole aumento dell’engagement (dal 200 al 400%) per alcuni specifici settori.

Dati, questi, che si sono verificati nelle prime settimane di lockdown ma che, se guardiamo l’andamento globale 2020, mostrano un cambiamento irreversibile nella relazione con il digitale da parte sia delle aziende che dei consumatori.

Altro dato interessante è sicuramente quello del traffico online: in Italia è aumentato dell’1%, in controtendenza con i dati globali, che hanno registrato una caduta del 2%.
Perché è così importante ciò che è avvenuto in piena pandemia?

Perché gli italiani hanno finalmente “scoperto” il commercio elettronico e non sembrano intenzionati ad abbandonarlo, nonostante il ritorno alla normalità: i dati ci dicono che più di 16 milioni di persone pensano che il cambiamento delle proprie abitudini sia irreversibile

Nel 2020, infatti, tutti i comparti hanno registrato un aumento degli acquisti e-commerce, con tassi di crescita fino al 56% per settori come Food&Grocery.

Il mondo post-pandemia è ormai digital-first e le aziende che vogliono restare sul mercato devono accettarlo e adeguarsi il più rapidamente possibile alle nuove richieste dei consumatori, ovvero: personalizzazione, empatia, velocità e digitalizzazione.
Come ha reagito l’Email Marketing al Covid-19?

Secondo i dati raccolti da MailUp, nel 2020 sono aumentati i tassi di apertura (+11%) e i clic unici (+13,2%). Questo andamento crescente è un chiaro segnale di rafforzamento del rapporto di fiducia tra aziende e destinatari, ma ci mostra anche che la pandemia ha aumentato l’interesse e l’attenzione degli utenti verso le comunicazioni che ricevono dai brand.

Anche i dati sulla distribuzione degli invii ci offrono spunti interessanti. I maggiori volumi di invii del 2020 sono infatti stati registrati nel mese di novembre, con 1 miliardo e 326 mila email (il 9,69% del totale), mentre nel 2019 era stato maggio il mese con più invii in assoluto.

Le tipologie di email più inviate in questo periodo? DEM e newsletter, un dato che ci mostra chiaramente l’origine del trend: l’inizio della campagna natalizia in occasione di Black Friday e Cyber Monday, che appunto vengono celebrati a novembre. Non a caso anche le stesse campagne a tema venerdì nero hanno fatto registrare un aumento dei tassi di apertura (+8,84%) e dei clic (+13,46%).
Email Marketing: lo strumento più efficace per intercettare i consumatori nel Natale post-pandemia

Gli esperti prevedono che le vendite digitali del Natale 2021 raggiungeranno 1 trilione di dollari a livello globale. Ma come possono le aziende intercettare i nuovi consumatori?

L’Email Marketing può essere la soluzione migliore per il marketing di Natale perché è un canale opt-in, ovvero i consumatori scelgono di ricevere comunicazioni e offerte di Natale dai brand che apprezzano. Inoltre i database possono essere segmentati, aumentando la pertinenza dei messaggi inviati al potenziale cliente e personalizzando le email in base alle demografiche del destinatario, ai suoi interessi o al suo storico di acquisti.

Le aziende possono migliorare le loro prestazioni implementando le best practice dell’Email Marketing e usando una piattaforma di invio affidabile, con tassi di deliverability alti. MailUp, ad esempio, garantisce il 99% di email recapitate e nell’ultimo anno ha aumentato questa percentuale dello 0,19%.

Per quanto riguarda le tue newsletter natalizie, un altro consiglio per aumentare i tassi di conversione e la fedeltà dei clienti è quello di curare il design delle email inviate, puntando su un look coerente con l’occasione, originale e personalizzato sul brand. La personalizzazione è sempre un’arma vincente nell’Email Marketing.

Se non sai da dove cominciare per creare un template ad hoc per DEM e newsletter di Natale puoi rivolgerti al servizio Creativity Suite di MailUp: un team di esperti email designer, sviluppatori e account ti aiuterà a creare un template su misura per il tuo brand da usare durante tutta la campagna natalizia.

Segmentazione: la chiave del successo della campagna di Natale 2021

L’engagement è il parametro che più efficacemente permette alle aziende di verificare il successo delle loro campagne di Email Marketing.

I dati di settore ci dicono che i brand che vogliono intercettare i consumatori post-pandemia devono attirare la loro attenzione personalizzando le loro comunicazioni, ad esempio con guide ai regali che abbiano contenuti variabili, pensati per guidare l’utente alla ricerca del regalo di natale perfetto per risparmiare tempo. Questo significa segmentare i database in modo efficace, riconoscendo cluster diversi di destinatari.

Di seguito abbiamo individuato 5 segmenti chiave a cui puntare per le festività natalizie 2021:

- Big spender: sono i clienti del tuo database con un valore medio d’ordine elevato. Puoi aumentare i tuoi profitti se invii loro delle offerte stagionali tempestive, ad esempio dando loro accesso a offerte in anteprima oppure offrendo uno sconto con una spesa minima.
- Nuovi clienti: hanno acquistato da te per la prima volta recentemente, il che vuol dire che sono ancora nella fase di engagement e puoi tentarli a spendere un po’ di più per acquistare il regalo perfetto con campagne di cross/up-selling oppure offrendo un ulteriore sconto sul successivo acquisto.
- Clienti abituali: sono clienti fedeli al tuo brand che devi premiare durante le occasioni speciali, come il Natale. Per stimolarli ad acquistare puoi inviare email personalizzate con consigli di prodotti basati su ordini precedenti o premiarli con vantaggi esclusivi, come la consegna gratuita o la garanzia di ricezione prima di Natale.
- Wishlister: sono clienti che apprezzano il tuo brand e che hanno inserito diversi prodotti nelle loro liste dei desideri. Il Natale è il periodo perfetto per stimolarli e convincerli ad acquistare ciò che ha catturato la loro attenzione durante il resto dell’anno. Ti consigliamo di creare email dinamiche personalizzate con i prodotti che desiderano e, in caso non rispondessero, fare remarketing multicanale sui social.
- VIP: sono i clienti più redditizi per l’azienda (con il ROI più elevato). Devi coccolarli durante tutto l’anno e farli sentire davvero speciali a Natale perché diventano brand ambassador presso altri consumatori, aumentando la tua brand awareness. Questo gruppo apprezza gli auguri di buon Natale e gli omaggi di Natale e vantaggi esclusivi che premiano la sua fedeltà.

Come personalizzare le tue email di Natale per ogni target?

Affidarsi a piattaforme di invio professionali come MailUp non è importante solo per assicurarsi di arrivare alle inbox dei destinatari senza incappare nel rischio di Spam. Queste piattaforme, infatti, mettono a disposizione una serie di strumenti di iper-personalizzazione come la Visualizzazione Condizionale, che permettono di mostrare, all’interno di uno stesso messaggio, contenuti diversi a seconda dei segmenti di interesse.

Anche l’utilizzo di gruppi e filtri, ovvero strumenti di segmentazione avanzata in grado di creare target specifici all’interno del database, è estremamente utile, se non indispensabile, per raggiungere questo tipo di obiettivo.

Natale: il periodo dell’anno su cui puntare anche nel 2021

Se aspettavi con ansia l’arrivo della campagna natalizia per approfittare delle vendite record che ormai da anni si registrano durante Black Friday, Cyber Monday e per tutto il mese di dicembre, preparati alle novità di quest’anno e sfrutta il canale di marketing che meglio di tutti gli altri ti permette di empatizzare con il tuo pubblico: l’Email Marketing.

Natale è un periodo dell’anno speciale: fai sentire unici i destinatari delle tue email con i nostri consigli e trionferai sicuramente!

Related posts:

  1. 10 statistiche per l’email marketing da non perdere nel 2021
  2. Mail Up presenta l’Osservatorio Statistico 2021, la sua indagine annuale sulle performance dell’Email Marketing nel 2020.
  3. L’email compie 50 anni: ecco come è cambiata nel tempo
  4. A Natale dillo con un post: le campagne natalizie sui social media