Nicchie di mercato - Seo step by step a cura di Libero Fusi

Feb 9th, 2021 | Di Redazione | Categoria: Breaking News, CATEGORIA B, Marketing


I principali settori da cui trovare una nicchia di mercato profittevole per fare SEO sono:

- Ricchezza e denaro

In questa nicchia troviamo principalmente corsi di investimento in borsa, corsi SEO e web marketing, giochi d’azzardo e sistemi per fare affiliate marketing, che creano reddito passivo attraverso la monetizzazione web

- Salute e fitness

In questo settore troviamo perdita di peso, diete, prodotti dimagranti, naturopatia, prodotti legati agli sport che garantiscono il benessere fisico e lo sviluppo della muscolatura, cibo sano, vegetarianesimo, veganismo e macrobiotica

- Rapporti, sentimenti e appuntamenti

Servizi per trovare un partner, corsi o gruppi per essere mariti o genitori migliori, libri e tecniche di seduzione, consulenza legale sull’adozione, animali domestici come alternativa ai bambini

- Auto-miglioramento

Libri di auto-aiuto, life coach, mentoring, corsi di formazione, corsi di lingua, tecniche di gestione della produttività e del tempo, gestione dello stress, libri sull’autostima e la fiducia in se stessi, PNL, public speaking

- Interessi, attività e hobby

Artigianato, fai-da-te, modellismo, giochi da tavolo, videogiochi, yoga, meditazione, spiritualità e discipline olistiche

E’ stato intenzionalmente escluso il porno in quanto è un prodotto molto complicato e non è ben visto da Google e Facebook.

Inoltre, tieni presente che i settori che rientrano nella categoria Your Money or Your Life (YMYL), ovvero i siti che trattano di prestiti, finanza, giurisprudenza, medicina e tutto ciò che è di vitale importanza per le persone, sono molto più complicati da posizionare.

Per le YMYL ci vuole più tempo, più sforzo e più “autorevolezza nel settore” per avere successo in ambito SEO.

Google Trends è uno strumento gratuito per scoprire nuovi trend di mercato, abitudini e, più in generale, tutto ciò che cercano le persone su Google.

Google Trends fornisce informazioni sulle tendenze di ricerca degli utenti, ma anche sulla stagionalità del trend. Consente inoltre di confrontare le diverse keywords (parole chiave) per identificare i volumi di ricerca e in quali mesi sono più alti.

Esempio: supponiamo che tu sia interessato ad avviare un’attività di noleggio auto a Verona. La prima cosa che farai è accedere a Google Trends per analizzare se quella nicchia di mercato sta crescendo, maturando o declinando.

Le tendenze solitamente hanno statistiche dal 2004. Se inserendo la parola chiave “noleggio auto” e filtrando per città “Verona”, scopri che questo settore è stabile o in crescita, può valere la pena lanciarti nel business!

L’unico difetto di Google Trends è che non mostra la difficoltà di posizionamento SEO o il costo per clic se vuoi investire in SEO/PPC. Per scoprire queste informazioni, puoi usare gli strumenti SEO gratuiti di cui abbiamo già parlato.

Utilizzandolo, scoprirai il CPC medio che la gente è disposta a pagare per primeggiare per determinate parole chiave e, inoltre, avrai migliaia di idee per impostare la tua strategia SEO e conquistare il mercato dei settori di nicchia… attaccando i settori profittevoli con meno competizione!

Una volta identificato un prodotto o servizio, essendoti già fatto un’idea dei volumi di ricerca e della difficoltà di posizionamento SEO, puoi:
. Cercare le parole chiave per cui vorresti posizionarti su Google
. Analizzare se l’intento di ricerca predominante nella pagina è di tipo transazionale, informativo o
navigazionale (occorre produrre un contenuto focalizzato sull’intento predominante)
. Analizzare la prima pagina dei risultati, notando se esistono già siti iper-specializzati sul tema. Se su
10 risultati ce ne sono tre o meno, è fattibile, se sono più di tre, si può fare ma potrebbe essere un po’
complicato, se sono cinque o più, allora l’obiettivo è molto problematico.
. Analizzare il profilo di link dofollow dei primi venti risultati: valutare se e come è possibile replicarne
alcuni
. Analizzare attentamente come sono fatti i contenuti della prima SERP, ad esempio: sono lunghi, con
molte immagini, infografiche o video

Per informazioni o consulenze contattami:
Libero Norberto Fusi
Vice Pres. ClubMC
Titolare 4marketing.com
libero.fusi@4tmarketing.com
mobile: + 39 347 3217653
seoxseo.4tmarketing.com

Related posts:

  1. Generare le parole chiave. Seo step by step a cura di Libero Fusi
  2. I dati strutturati - Seo step by step a cura di Libero Fusi
  3. L’importanza della sitemap nella SEO - Seo step by step a cura di Libero Fusi
  4. Le ricerche Google più frequenti in Italia nel 2020 - Seo step by step a cura di Libero Fusi