Non solo giornali, a Milano in edicola si fa anche la spesa grazie a “Quotidiana”. E si trovano baby sitter e giardinieri

Dic 12th, 2020 | Di Redazione | Categoria: Breaking News, Trade e distribuzione

Il primo punto vendita attivo è in viale Bligny nel capoluogo lombardo, poi ne arriveranno altri undici. La struttura diventerà un punto di riferimento per fornire servizi a tutti i cittadini

Novità nelle strade e piazze di Milano: nasce “Quotidiana”, progetto che coinvolge una rete di edicole facendole diventare un punto di riferimento per fornire servizi a tutti i cittadini.

Il rilancio delle edicole, mutuato dall’esperienza di Parigi, è promosso dal Gruppo MilanoCard che ha avviato l’acquisizione di 12 chioschi, lungo la cerchia della circonvallazione interna, con un potenziale di altre 38, ideando un format innovativo che consente di tornare ad avere non solo il giornale sotto casa ma anche di effettuare la spesa di tutti i giorni, con oltre 320 referenze alimentari di largo consumo a prezzi competitivi con i principali supermercati, e una vasta scelta di servizi alla persona.

Ma anche prodotti di parafarmacia e per la casa. In prospettiva si sta lavorando per realizzare anche un punto di ricarica elettrica per monopattini, auto e moto.

La gestione è realizzata insieme ad alcune delle piu’ importanti realta’ del terzo settore milanese (Spazio Aperto e Vestisolidale), dando l’occasione a persone con fragilita’ di tornare nel mondo del lavoro.

Grazie alla collaborazione con il Consorzio Farsi Prossimo, la rete di Quotidiana rende dunque disponibili diversi servizi socio-assistenziali: dalla fisioterapia a domicilio, al servizio di ricerca badante, dai servizi educativi, alla psicoterapia per tutte le eta’.

Ma sarà anche possibile trovare baby sitter, giardinieri o eletetricisti.
L’investimento ammonta a oltre 1 milione di euro nei primi 24 mesi.

Attraverso la rete Quotidiana le edicole, che saranno sottoposte a un lavoro di restyling architettonico, diventano anche forte presidio culturale di quartiere impegnandosi a trasmettere in filodiffusione accurate selezioni musicali e a creare, produrre e diffondere mostre fotografiche e di video-arte di grande valore che saranno distribuite all’esterno di ogni punto vendita in un’apposita area dedicata alla proiezione.

Per questa attivita’ il network Quotidiana ha affidato la curatela a Casa Testori che nella programmazione culturale sviluppera’ collaborazioni con personaggi di rilevo del mondo artistico e permettera’ ai numerosi archivi e tesori culturali di farsi conoscere.

Spazio anche ai cortometraggi e alle produzioni cinematografiche create ad hoc grazie alla collaborazione con Cinema Bianchini e al regista Massimiliano Finazzer Flory.

Questi contenuti saranno distribuiti tramite QR-Code inserito all’interno della rivista free press “Amica Quotidiana” lo strumento di comunicazione ufficiale del network Quotidiana.

Il primo cortometraggio ad essere distribuito sara’ “Ali Dorate i giorni del silenzio” realizzato da Flory nei giorni del lockdown tra le statue poste nelle piazze deserte di Milano.

“Nei mesi della Milano colpita e ferita abbiamo sentito il dovere di investire nel suo futuro. Lo abbiamo fatto anche con un occhio al grande pragmatismo solidale di Milano che coniuga sempre crescita a solidarieta’, andando a ricercare la collaborazione di due importanti realta’ del terzo settore per far si’ che questa rinascita delle edicole significasse anche nuova opportunita’ di lavoro per molte persone” spiega Edoardo Filippo Scarpellini, a.d. del Gruppo MilanoCard.

Il primo punto vendita attivo e’ quello di via Bocconi angolo Bligny. Le prossime edicole ad aprire saranno: Piazzale di Porta Genova, Piazza Lega Lombarda, Via Fabio Filzi, Via Pascoli, Piazzale Lavater, Piazza del Tricolore, Piazzale De Agostini, Via Castel Morrone.

Related posts:

  1. “Andiamo in edicola”: una campagna promossa da Fieg e Anci
  2. Dal 20 aprile in 12 luoghi simbolo di Milano arriva la mostra diffusa ‘Il Sole 24 Ore x Milano’. Campagna a cura di Havas
  3. La spesa? Un consumatore su 10 la fa solo online
  4. Il nuovo numero di ‘Prima’ è in edicola con il ‘Grande Libro dell’Informazione stampa e online’. Anche in digitale