Oktoberfest, sagre e eventi gastronomici: perché ci piacciono tanto?

Mag 18th, 2021 | Di Redazione | Categoria: Ricerche e Statistiche


I grandi eventi in generale e quelli enogastronomici in particolare lasciano impronte profonde in chi vi prende parte. Per questo si tende a tornarci e quando, come è accaduto quest’anno, sono soppressi, se ne sente la mancanza.

Chi li organizzava e soprattutto chi tornerà a organizzarli deve puntare sugli aspetti emozionali, se vuole raggiungere o consolidare il successo. Un esempio perfetto è l’Oktoberfest di Monaco, in Germania, che in anni normali attira fino a sette milioni di persone. L’evento è stato oggetto di uno studio da parte dei ricercatori dell’Università Statale di Washington e delle Università di Scienze applicate di Heilbronn e di Monaco, i cui risultati sono stati pubblicati sull’International Journal of Contemporary Hospitality Management.

Per capire le emozioni suscitate nei clienti, gli autori hanno intervistato oltre 800 partecipanti all’edizione dell’Oktoberfest del 2018, per il 56,5% uomini e in gran parte tedeschi, ma per il 12% provenienti da altri Paesi tra i quali Stati Uniti e Italia. Le domande vertevano sulla qualità di cibo e bevande, sulla sensazione di compartecipazione, sulle emozioni positive e durature provate, sull’impressione di vivere un’esperienza assolutamente unica, e poi si allargavano fino alla qualità di vita e al senso di soddisfazione.

Dalle risposte è emerso che ciò che lega gli avventori a un evento come l’Oktoberfest è proprio l’idea di prendere parte a qualcosa di memorabile che, per questo, lascia tracce e ricordi indelebili nella memoria. Naturalmente molto dipende dalla cura con cui chi lo gestisce prepara il cibo e le bevande serviti, e da quanto riesce a far sentire il cliente non solo a proprio agio, ma anche trattato con un riguardo particolare. Tutto ciò accresce l’empatia provata verso chiunque stia vivendo la stessa esperienza, e associa quest’ultima a sensazioni positive che si vogliono riprovare, e che migliorano il senso di soddisfazione per la propria qualità di vita.

Si tratta – sottolineano gli autori – ovviamente di risultati parziali, non solo perché riguardano un evento specifico, per quanto grande, ma anche perché le conclusioni sono estrapolate da risposte abbastanza generiche e soggettive. Tuttavia si possono trarre messaggi utili per creare le condizioni di una buona riuscita. L’elemento più importante, almeno in questo caso, è la creazione di un evento che sia vissuto come unico, caratterizzato da un’elevata qualità di quanto viene proposto, e nel quale organizzatori e partecipanti condividano la stessa esperienza, sia pure da fronti diversi.

di Agnese Codignola su www.ilfattoalimentare.it

Related posts:

  1. Cinque motivi perchè le tecnologie non potranno mai battere gli eventi dal vivo
  2. E Oktoberfest sia, anche sugli alberi !
  3. ‘Tanto è tutto Marketing’. Sfatiamo il mito?
  4. Il fattore esperienziale: 4 tecniche low cost per valorizzare gli eventi corporate