Perchè del rebranding GM, nuovo logo dopo 60 anni

Giu 13th, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Comunicazione, Marketing


È stata solo l’ultima in ordine di tempo fra le grandi aziende automobilistiche a rifarsi il trucco, preceduta da Nissan, Kia, Fiat, Peugeot.

Perché il più grande produttore di auto americano ha sentito l’esigenza di rinnovare la propria immagine?
La ragione principalmente è dovuta alla necessità di riposizionarsi, comunicando anche attraverso il proprio logo i nuovi progetti e gli obiettivi del colosso USA.

In contemporanea con il rebranding, infatti, sono arrivati gli annunci sul futuro della casa a stelle e strisce, che ha dichiarato l’intenzione di cessare la vendita di modelli diesel e benzina entro il 2035.

Una svolta green che nei piani societari dovrebbe portare General Motors a diventare carbon neutral, cioè con zero emissioni di gas serra, entro il 2040.

Un progetto ambizioso e finalmente in linea con le tendenze del nuovo mercato, che è ormai decisamente indirizzato verso i motori elettrici.

Le nuove generazioni che, non scordiamolo mai, saranno i clienti di domani, sono molto più attente al rispetto ambientale e i SUV benzina da 3 km al litro fanno parte del passato.

Quale migliore occasione di questa per rinfrescare il vecchio logo in uso dal 1964?

A guardarlo può sembrare che le modifiche siano minime, in realtà il nuovo logo non solo è più moderno, comunica “elettricità”, è difficile da spiegare, ma solo a guardarlo ti trasmette un idea completamente diversa, è la magia della grafica.

Non saranno anni facili, perché la clientela affezionata di General Motors digerirà male questo cambiamento, anche per questo l’azienda si è posta un orizzonte temporale così lungo.

È ovvio che a un colosso come G M non siano necessari 14 anni per convertire la linea di produzione, potrebbe farlo in meno della metà del tempo, evidentemente hanno stimato che questo gli converrà solo dal 2035.

#marketing #comunicazione #social #fortunatomonti #marketingjournal

Fortunato Monti
Web & Social Marketer & Content Creator
fortunato.monti@gmail.com

Related posts:

  1. Il rebranding di Pfizer che trasforma il suo logo dopo 70 anni
  2. Il più grande rebranding di Burger King dopo 20 anni
  3. L’Inter cambia logo. E nome ? Il rebranding nel calcio
  4. Il rebranding di BMW dopo due decenni