Petfood in crescita e venduto con i nomi dei prodotti alimentari destinati alle persone

Feb 11th, 2021 | Di Redazione | Categoria: Imprese e Mercati


Il settore degli alimenti per gli animali domestici non conosce crisi ed è in continua evoluzione, tanto che anche durante il lockdown tale comparto ha ulteriormente aumentato i profitti. Una lettrice ha però notato delle criticità per i nomi di alcuni di questi prodotti. Pubblichiamo di seguito la segnalazione.

“Trovo confusionario dare nomi simili ai prodotti destinati alle persone anche a quelli pensati per gli animali domestici: come le ”patatine” o i “tortellini” o altri ancora. In un supermercato da noi ci sono pacchi di tortellini per cani in confezioni da 5 chili.

Secondo me è triste questa tattica di copiare con semplice scopo parassitario il nome certi biscotti famosi per umani, e applicarlo uguale o minimamente modificato su un cibo per cani, ad esempio dei biscotti resi uguali, impacchettati in modo molto simile sempre per trarne vantaggio commerciale.

Io la vedo reale la confusione che si viene a creare in questo modo… (esempio: pan di stelle/can di stelle… fatti con la carruba, o le patatine per cane fatte di pollo). Non è una questione di qualità o di cosa o come i proprietari trattano o acquistano per il loro cane. Io temo la palese confusione che si è già creata, causata da nomi e forme ma con destinazioni diverse.”

Paola

Related posts:

  1. Regole più severe per la pubblicità in rete dei prodotti alimentari destinati ai bambini
  2. ISTAT: +3,1% a valore nelle vendite alimentari e - 0,6% a valore peri prodotti non alimentari al dettaglio nel periodo Gennaio Settembre
  3. L COVID SPINGE LA CORSA AL CIBO. PREZZI DEI PRODOTTI ALIMENTARI AL MASSIMO DA SETTE ANNI
  4. Food e sostenibilità. Osservatorio Immagino di GS1 Italy: solo il 6,2% dei prodotti alimentari ha packaging 100% riciclabile, svolta green entro il 2025 con +42,8% di pack eco-friendly