Quale sarà il marketing aziendale del futuro?

Feb 26th, 2020 | Di Redazione | Categoria: Interviste

lo abbiamo chiesto a Alessandro Nicoletti, esperto in marketing e comunicazione digitale, questa è la sua risposta.

Siamo inondati da articoli, video, messaggi e post sulle migliori strategie di marketing aziendali (segui il link per visitare il sito dell’intervistato), certamente molte sono evolute e utili, ma il problema di fondo è che le aziende si stanno praticamente copiando una con l’altra.

Basta fare un rapido giro sulle pagine sociali dei vari business per capire quanto le strategie di marketing messe in atto sono molto simili tra loro.

Passiamo dai 3 video gratuiti per poi indirizzare l’utente verso un funnel di vendita, fino al classico article marketing con le call to action qua e la lungo il testo.

Nel decennio scorso che possiamo definire come “l’epoca d’oro del web” , tutte queste tecniche erano innovative e avevano dei tassi di conversione molto alti.

Anche la concorrenza era inferiore, molte aziende dovevano ancora entrare sul web e pertanto i pionieri del tempo hanno avuto la possibilità di creare dei business molto redditizi e solidi.

Nonostante gli utenti del web crescono, parallelamente si sono dimezzati i tassi di conversione. Sia se tu sia il titolare di un ecommerce, o un blogger che vende infoprodotti, avrai notato il calo delle vendite nonostante il numero delle visite sia rimasto pressoché costante.

Cosa fare per arginare il calo delle conversioni?

Personalmente, sostiene Alessandro Nicoletti, non ho una risposta chiara e valida per tutti, però osservando la realtà che mi circonda posso tirare alcune conclusioni.

La prima considerazione è la necessità per le persone di ritornare a riunirsi dal vivo. In passato era normale condividere la propria vita con la famiglia, gli amici, i vicini, c’era una socialità completamente diversa.

Oggi anche per colpa dei social, dei lavori alienanti e da una distorsione della realtà creata dai mass media, l’individuo è sempre più solo e isolato dal resto delle persone.

Ecco allora spuntare tutta una serie di aziende atte proprio a colmare questo vuoto che in passato semplicemente non esisteva.
Un esempio pratico

Oggi vanno molto di moda le attività quali pilates di gruppo, corsi yoga, balli, trekking, pittura, corsi cucina, eccetera, tutte attività di gruppo che inevitabilmente porta le persone a conoscersi.

Tutte attività che pochi decenni fa non sarebbero potute esistere. Secondo voi chi avrebbe pagato per andare in una cucina ad imparare nuove ricette da uno chef quando c’era magari la suocera in casa?

La società non si è evoluta, è semplicemente cambiata in qualcosa di differente

Questo bisogno di socialità delle persone che passano gran parte della giornata davanti ad uno schermo è la leva che può essere usata in una qualsiasi strategia di marketing vincente

Il segreto quindi per finalizzare una comunicazione originale ed efficace e rivalutare le strategie di marketing aziendale ricade nella creazione della community, un senso di appartenenza per i clienti così bisognosi di sentirsi parte di qualcosa.

Il marketing del futuro ruoterà proprio intorno a questo concetto, ed infatti alcune delle aziende più evolute stanno investendo molto in questa direzione.

Se non vuoi rimanere indietro, implementa subito un piano d’azione per creare questo sentimento di appartenenza, lo puoi fare in molti modi.

Innanzitutto dai gadget quali magliette o altro che dimostri l’adesione a tale gruppo, basta pensare alla nicchia dei vegani per averne conferma, che hanno tutta una serie di accessori che identificano il loro senso di appartenenza alla loro community. Un’altra strategia da implementare è quello dell’organizzazione di eventi dal vivo.

La gente è stanca di sentirsi sola, ha bisogno di partecipare a delle situazioni dove il contatto e la presenza umana torni finalmente al centro della quotidianità.

Related posts:

  1. INNOVARE: parola d’ordine per il futuro aziendale
  2. Il profitto del futuro sarà green
  3. Come cambia il marketing aziendale con il marketing 4.0
  4. Quale futuro attende i social media nel 2020? Le previsioni di eMarketer