Quali sono i tuoi orizzonti? Guardare al futuro

Giu 8th, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Marketing


C’è una cosa che ripeto ogni giorno, specie ai miei bimbi: “non smettete mai di studiare”.
Le generazioni che ci hanno preceduto, quelle che sono da poco andate in pensione, sono state le ultime a potersi permettere di finire gli studi.

Chi è nel mondo del lavoro oggi e chi ci sta per entrare invece deve sapere che questo lusso non potrà permetterselo.

Fare l’università negli anni 60 voleva dire trovare subito lavoro e soprattutto acquisire tutte le competenze che ti sarebbero servite per tutta la tua carriera lavorativa.

Ormai questo fa parte del passato e chi si ferma è perduto, perché il mondo si è messo a correre a una velocità che non permette pause.

Questo vale in tutti i campi, quello della comunicazione per esempio lo ha visto succedere negli ultimi 15 anni, con l’avvento dei social network e del social marketing.

Molti fanno fatica ad accettare questo scenario, forse perché si innesca il timore di essere sorpassati, impreparati o inadatti.

Per ovviare a queste paure forse è utile rileggere qualche previsione fatta da giganti dell’industria e della tecnologia, che si è rivelata comicamente sbagliata.

1968 “negli USA sono già in vendita 50 modelli di auto straniere, è improbabile che l’industria automobilistica giapponese possa strappare una quota di mercato nel paese” della rivista Business Week

1977 “Non c’è motivo per cui qualcuno vorrebbe un computer in casa” Ken Olsen AD di Digital Equipment Corporation

1989 “non faremo mai un sistema operativo a 32 bit” Bill Gates

2005 “il prossimo Natale l’iPod sarà morto, finito, sparito, kaput” Sir Alan Sugar fondatore di Amstrad

2007 “non c’è alcuna possibilità che l’iPhone conquisti una quota di mercato significativa” Steve Ballmer AD Microsoft

2010 “questa dimensione è inutilizzabile, a meno di allegare della carta vetrata così gli utenti possono limarsi le dita” (riferito ai tablet da 7 pollici) Steve Jobs

Anche per i professionisti più preparati e per gli imprenditori più visionari prevedere gli sviluppi futuri non è così facile.

#marketing #comunicazione #social #fortunatomonti #marketingjournal

Fortunato Monti
Web & Social Marketer & Content Creator
fortunato.monti@gmail.com

Related posts:

  1. Gamification marketing: che cos’è e quali sono i rischi giuridici
  2. Storytelling: quali sono le strutture narrative degli spot pubblicitari ad alto impatto emotivo?
  3. I Social simili a Clubhouse quali sono e perchè hanno successo
  4. Condividi i tuoi scatti con gli amici poliziotti