Quando a Helsinki Pigiama si faceva un pigiama party al supermercato, il marketing anti caldo

Mag 29th, 2020 | Di Redazione | Categoria: UAU Communication


Persino le renne della Lapponia hanno cercato refrigerio bagnandosi al mare. L’ondata anomala di caldo che ha colpito la penisola scandinava e l’intero nord Europa durante l’intera estate, con picchi di 10-15 gradi superiori alla media stagionale, è considerata da molti esperti la più intensa di sempre per quelle latitudini.

Una morsa di calore continua e soffocante, alla quale gran parte della popolazione finlandese non ha potuto porre rimedio con il ricorso ai condizionatori d’aria, tutt’altro che diffusi da quelle parti. Proprio per questo a Helsinki, dove la colonnina di mercurio è rimasta a lungo abbondantemente sopra ai 30 gradi, un negozio dell’insegna K-Supermarket si è reso protagonista di un’iniziativa probabilmente senza precedenti, nata dall’intuizione di una commessa.

Mentre altri store del Paese, ma anche altri tedeschi e inglesi, decidevano di posticipare l’orario di chiusura per concedere agli shopper più tempo tra le corsie climatizzate dei loro supermercati, questo punto vendita ha probabilmente superato tutti per originalità.

UNA MOSSA PIONIERISTICA

Dopo aver lanciato l’idea su Facebook, riscuotendo un successo molto superiore alle aspettative, il supermercato ha infatti deciso di organizzare una sorta di pigiama party in-store al riparo dal caldo. L’iniziativa, riservata a circa 100 clienti abituali selezionati, a fronte di un numero ben più elevato di adesioni, ha trasformato per una notte di agosto le corsie del negozio in una sorta di dormitorio, piacevolmente fresco, familiare e divertente.

UNA NOTTE AL FRESCO

Le persone si sono quindi ritrovate alle ore 22, subito dopo la chiusura del supermercato, hanno scelto i posti, consumato insieme uno spuntino serale, nonché ricevuto gadget offerti dal rivenditore. La mattina successiva, dunque, gran parte di loro ha raccontato l’esperienza sui social in maniera entusiasta, eccezion fatta, paradossalmente, per qualche fastidio provocato dal ronzio dei congelatori. Ma sempre meglio, comunque, dell’insonnia a causa dell’afa.

Una originalissima iniziativa di #uaucommunication per stupire ma soprattutto per agevolare lo stato di benessere dei clienti in modo interattivo e coinvolgente

VIDEO E FOTO SUBITO VIRALI

Così la notizia dello sleepover, cominciato più per scherzo che per un’effettiva strategia di marketing, ha fatto presto il giro del mondo portando alla catena del gruppo Kesko un imprevisto ritorno d’immagine.

Related posts:

  1. Quando Infojobs ha ideato Mestieri in vetrina: guerrilla e ambient marketing a Milano e Torino
  2. Durex & coronavirus: proteggi te stesso e gli altri, quando esci, quando entri
  3. Quando Special Glue ha firmato il guerrilla marketing per la nuova collana Soldatini d’Italia di RCS
  4. No MARKETING? No PARTY!