Roma, il Colosseo si è tinto di rosso per le vittime delle persecuzioni religiose

Nov 24th, 2019 | Di Redazione | Categoria: UAU Communication


Durante il pomeriggio di sabato 24 febbraio, il Colosseo e l’Arco di Costantino sono stati illuminati di rosso per ricordare il sangue versato dalle vittime delle persecuzioni religiose in tutto il mondo e dei martiri cristiani. Una chiara modalità non convenzionale in stile #uaucommunication

In contemporanea altri due simboli della religiosità si sono tinti del medesimo colore, la cattedrale maronita di Sant’Elia ad Aleppo in Siria e la chiesa di San Paolo a Mosul in Iraq.

Alla manifestazione sono intervenuti il segretario di Stato vaticano, card. Pietro Parolin, il segretario generale della Conferenza episcopale italiana, mons Nunzio Galantino, e Antonio Tajani, presidente del Parlamento europeo. Hanno partecipato alla manifestazione anche il marito e la figlia di Asia Bibi, cattolica pachistana condannata a morte e Rebecca Bitrus, cristiana nigeriana rapita e torturata dalla componente islamista Boko Haram.

Secondo Antonio Tajani, Presidente del Parlamento europeo le stragi compiute in nome della religione devono essere considerate al pari di un genocidio e per questo, infatti, rinnova l’impegno dell’Europa a garantire la libertà religiosa, poiché poter professare la propria fede è un diritto inalienabile di ogni essere umano.

Related posts:

  1. Salone del Mobile 2019, vetrina mondiale per una Italia vincente
  2. Deisel, Renzo Rosso ha creato il “falso” logo di Diesel
  3. Il Colosseo si illumina di viola per la prima volta in occasione della Giornata Internazionale dell’Epilessia
  4. “La tua auto è su Pornhub”, il guerrilla marketing contro i parcheggi selvaggi a Roma