Se sei sui social devi essere social

Mag 31st, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Comunicazione, Marketing


“Qui giace il signore de La Palice, che se non fosse morto, sarebbe ancora in vita”

Questa è il celebre epitaffio che ha dato origine al termine “lapalissiano” e a costo di esserlo, ripeterò un concetto, che a me sembra tanto ovvio.

Che piaccia o meno, essere sui Social non è più una scelta, è diventato vitale e ogni azienda o attività deve avere una strategia di comunicazione su questi canali.

Bisogna scegliere su quali social essere, con quale tono comunicare, frequenza e temi da trattare, ma di sicuro non si può pensare di non esserci.

Attenzione, però, essere sui Social e non essere social è altrettanto grave, non ha senso “esserci tanto per…”, aprendo un canale per poi abbandonarlo.

Un attività, che non governa i propri social, comunica disinteresse, sciatteria e poca attenzione al servizio.

Nessun buon titolare lascerebbe deserta la vetrina del negozio o farebbe scena muta davanti a un cliente.

Questo accade spesso sui social: domande e recensioni senza risposta, pagine aperte e mai aggiornati; lo fanno amministrazioni, piccole e medie imprese, commercianti e liberi professionisti.

È altrettanto sbagliato trattare i propri social come la bacheca della parrocchia, da inondare con valanghe di volantini pubblicitari.

Sui social si viene per socializzare, guarda un po’, gli utenti vogliono svagarsi, informarsi ogni tanto, rilassarsi, essere bombardarti da offerte è fastidioso.

Per questo trovo sconfortanti le critiche che spesso vengono rivolte alla comunicazione social, quella in stile Taffo, Unieuro o Skipper, per citare tre eccellenti esempi.

Commenti spesso scritti da professionisti, che chiedono: “come possano quei post aumentare le vendite?”.

Lapalissiano, sui social non sempre si vende, a volte si costruisce relazione, si crea interesse per il canale, si cerca di interagire o di aumentare la notorietà, in poche parole, si cerca di essere social.

#marketing #comunicazione #social #fortunatomonti #marketingjournal

Fortunato Monti
Web & Social Marketer & Content Creator
fortunato.monti@gmail.com

Related posts:

  1. Vuoi essere ricordato dai clienti? Fatti ricordare quando serve
  2. La pubblicità annoia prima ancora di essere vista.
  3. Think Forward 2021: The Social Reset, i 6 trend della comunicazione secondo We Are Social
  4. Nuovi social media. Adesso la moda guarda al soft-porn di OnlyFans