Se si fermano gli eventi chiude l’Italia, appello al Governo di considerare il comparto

Mar 19th, 2020 | Di Redazione | Categoria: Breaking News, CATEGORIA B


C’è una industria in Italia che non si vede, ma realizza tutto ciò che vediamo, con stupore, ogni anno, e che ha un fatturato pari al Pil di una Regione. Si chiama “event industry”, occupa il 40% delle notti degli alberghi, (garantendone di fatto la sopravvivenza), porta alle casse italiane milioni di fatturato vincendo ovunque nel mondo, sostiene il business di tutti i brand presenti sul mercato, produce creatività e innovazione tecnologica.

Un settore, quello della live communication, che sviluppa 10 miliardi di euro tra eventi aziendali, moda e congressuali, compreso l’indotto per catering, spettacoli ed animazioni, scenografie, allestimenti, tecniche, logistica, servizi vari, 50 mila addetti di prima fascia che diventano dieci volte tanto in tutta la filiera. Sempre che non vogliamo aggiungere il settore dell’entertainment dei parchi divertimento, degli eventi sportivi, del settore cultura (416.080 addetti, numero che incide per il 6,8% sulle attività economiche del Paese con 96 miliardi di euro: ricerca Fondazione Symbola 2019).

Sanremo è un evento. Le Fiere sono eventi. Design Week è un evento al pari del lancio di un’auto. I Campionati europei di calcio sono un evento, come lo è stato Expo Milano 2015, che ha cambiato il volto di una città, il Tour di Jovanotti o una mostra artistica o culturale. Solo che, da sempre, Italia e istituzioni non riescono a vederlo anche se vi partecipanto più di 28 milioni di italiani (fonte ADCgroup). Queste realtà non hanno mai potuto usufruire di cassa integrazione (spesso le aziende hanno un numero limitato di addetti).

Non hanno mai avuto finanziamenti agevolati per investimenti in tecnologia e ricerca. Mai un aiuto concreto per conquistare i mercati esteri e portare il “Made in Italy” nel mondo, come da sempre fanno con successo Filmmaster, Simmetrico, Next e le altre 40 agenzie a forte propulsione internazionale che hanno dato vita al “Club degli Eventi”. Ma anche tanti liberi professionisti, free lance e cooperative che operano trasversalmente in tutti questi settori.

Tutto ora rischia di crollare nel giro di pochi giorni. Per colpa di un virus, certamente. Ma anche per una gestione della crisi che ha prodotto una comunicazione terroristica ai mercati internazionali. Eventi cancellati e mancata programmazione vuol dire protrarre questo malessere per altri sei mesi, anche se l’epidemia finisse domani, sancendo la morte di molte aziende.

E, a cascata, di tutto quel comparto che ha sicuramente a Roma, Milano, Torino, Bologna, Venezia e Firenze il suo asse portante, ma che si dirama in maniera capillare su tutto il territorio nazionale, tra piccole o grandi realtà, services, agenzie.

Senza eventi, senza investimenti e senza flusso di partecipanti chiude l’Italia.

Ed è venuto il momento di rendersene conto, chiedendo al Governo e ai ministeri competenti, penso a Sviluppo economico ed Economia, di riconoscere lo stato di crisi, identificando di comune accordo con le associazioni di categorie, finalmente riunite, interventi immediati e mirati. Vedendo quello che tutti vedete, un settore che genera business, ma che è sempre stato invisibile.

dal Blog di Alfredo Accatino su www.huffingtonpost.it

Related posts:

  1. Fase 3: gli eventi ripartono in 14 regioni, nonostante il Governo
  2. MPI, SITE e ADMEI: appello alla meeting industry internazionale per restituire all’Italia la sua reale identità di Paese sicuro e accogliente per i planner stranieri
  3. Ed è subito evento! Party Round Green, il primo multiservice “green” per eventi in Italia
  4. Che storia Party Round Green! Il primo multiservice in Italia per eventi