SEO per accesso da Mobile - Seo step by step a cura di libero Fusi

Set 5th, 2020 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Marketing


Da qualche anno i dispositivi mobili hanno rimpiazzato l’uso del classico PC Desktop.

E’ quindi nata la necessità di ottimizzare il proprio sito per una consultazione ottimale anche tablet e smartphone.

Ormai circa il 60% delle ricerche su Google viene fatta tramite dispositivi mobili e il trend sta crescendo costantemente.

Le percentuali d’uso dei dispositivi mobili variano in base alla nicchia di mercato, al periodo dell’anno, alla geolocalizzazione e molti altri fattori.

In sostanza, una sempre maggiore quantità di persone che, in passato, non possedeva un computer o comunque lo utilizzava molto poco, sta entrando nel mondo di Internet.

Nel 2015 Google ha rilasciato il Mobile-Friendly Update al fine di penalizzare quei siti non ottimizzati per l’accesso da mobile.

Nel 2018 Google ha annunciato il Mobile-first Index: da quel momento in poi, i
risultati di ricerca si basano sull’indicizzazione della versione mobile del sito.
Questo ovviamente incide anche sulle ricerche da PC.

Esistono due approcci di ottimizzazione per Mobile:
Versioni multiple: con questo tipo di approccio, si creano due siti (sito.it e
m.sito.it). Un redirect automatico porta l’utente alla versione corretta in base al
tipo di dispositivo che sta utilizzando.

Responsive design: il layout della pagina si adatta in base alla risoluzione del device
dell’utente, mantenendo lo stesso URL e evitando reindirizzamenti.

Per verificare che il tuo sito non abbia problematiche di accessibilità su dispositivi
mobili, puoi usare lo strumento di Google (Test ottimizzazione mobile: https://search.google.com/test/mobile-friendly) che ti dà indicazioni pratiche sugli interventi necessari.

Parlando di Mobile SEO comunque occorre verificare le seguenti condizioni:
- Velocità di caricamento: soprattutto con una connessione mobile, è
fondamentale che la pagina si carichi velocemente, magari riducendo le
dimensioni delle risorse incluse.
- Leggibilità: fai attenzione alla dimensione del font dei caratteri (almeno 16 px)
e non esagerare con i titoli.
- Menù: usare il cosiddetto “hamburger menù”, ossia quelle tre linee a scomparsa che
attivano un menù dropdown nell’header vicino al logo.
Immagini: assicurati che ci sia un codice CSS per adattare l’immagine alla
larghezza del device.
Spazi: usa gli spazi tra bottoni e paragrafi, perché spesso su mobile le dita non
riescono a premere il target corretto se gli elementi sono troppo ravvicinati.

Per informazioni o consulenze contattami:
Libero Norberto Fusi
libero.fusi@4tmarketing.com
Cell: 3473217653

Related posts:

  1. User experience ai fini SEO - step by step a cura di Libero Fusi
  2. L’importanza della sitemap nella SEO - Seo step by step a cura di Libero Fusi
  3. Ricerche vocali “long tail” - SEO step by step a cura di Libero Fusi
  4. I criteri fondamentali di Google. Seo step by step a cura di Libero Fusi