Smart Cities: sempre meno un sogno e sempre più una realtà

Set 16th, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B


E’ in uno scenario dominato dal traffico, dall’inquinamento e dalla poca sicurezza che sorge la Smart City: il termine inglese indica un esempio di città in cui progresso e tecnologia sono sinonimi, se non la stessa cosa. In Italia, per il sesto anno di fila, si classifica città più smart Milano, ma anche altri centri stanno subendo lentamente questa trasformazione. Nello specifico, di cosa si tratta?

Una Smart City, in poche parole, è una città energeticamente auto-sostenibile che mira al miglioramento della sanità, dei trasporti e della sicurezza, servendosi della tecnologia. Case intelligenti, mezzi di trasporto automatici, sensori che rilevano l’inquinamento e che gestiscono il traffico: potrebbe essere questo, forse, lo scenario che vedremo tra qualche anno dalle nostre finestre.

Ad occuparsi dei progressi che si potrebbero raggiungere per mezzo della tecnologia è lo studio Mckinsey. Questo studio afferma che nel 2050 la Terra potrebbe essere popolata da 9 milioni di persone e che per un numero così elevato servono città efficaci ed efficienti, le Smart Cities. Alla base di tutto? Sensori intelligenti e applicazioni.

Attualmente le città più smart restano quelle asiatiche e americane, mentre in Italia anche in questo ambito si fa sentire il divario tra nord, dove sono concentrate tutte le smart cities italiane, e sud, che invece rimane indietro nuovamente.

Dunque, ancora una volta la tecnologia sembra essere la protagonista del futuro, ma è bene prestare attenzione e cercare di instaurare un equilibrio tra la vita dell’uomo e l’influenza che questa grande materia esercita su di essa.

Related posts:

  1. Smart working, smart contest - Sales Promotion: Concorsi e Operazioni a Premio dalla A alla Z a cura di Miriam Forte
  2. Scopriamo insieme a COPERNICO 12 smart job del 2030
  3. Tecnologia di consumo: con lo smart working più vendite di Pc anche nel 2021
  4. Lo smart working cambia la comunicazione aziendale: tra sicurezza e informalità