Snuggie la coperta più stupida al mondo, 20 milioni di pezzi venduti

Nov 29th, 2020 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Marketing


Essere una via di mezzo tra una coperta e un cappotto, questo il concept con cui nasce Snuggie, il plaid indossabile, deriso quasi da tutti, ma che ha guadagnato 400 milioni $ in USA.

Sto parlando della coperta con le maniche, resa celebre dalle sue pubblicità ai limiti del ridicolo, che è un esempio perfetto di come una corretta strategia di comunicazione e marketing possa vendere qualsiasi cosa.

Il prodotto è assurdo quasi ridicolo, era difficile sperare di convincere un mercato già saturo, come quello USA, a comprare l’ennesima coperta.

Tutti abbiamo in casa molte più coperte di quante ce ne serviranno in tutta la nostra vita, eppure Snuggie è riuscita a vendere oltre 20 milioni di pezzi.

Le sue pubblicità sono apparentemente infantili e quasi insopportabili, ma erano in realtà studiate con cura e rivolte a un target ben preciso.

La prima regola della comunicazione è che non esiste una “bella” pubblicità, ma solo la pubblicità giusta per il target al quale ci si rivolge.

Come diceva Ogilvy, la pubblicità non deve essere sfoggio di creatività fine a se stessa, ma deve essere pensata per uno scopo ben preciso, vendere il prodotto X al mercato Y.
Se vuoi soltanto sfoggiare la tua creatività, fai l’artista e non il marketer.

Pubblicità infantili e televendite ossessive erano il veicolo giusto per il prodotto e hanno determinato il successo commerciale di Snuggie, sul quale agli inizi in pochi avrebbero scommesso.

Nella storia delle comunicazione abbiamo visto di tutto, con la giusta strategia puoi vendere con successo anche i sassi come regalo di Natale, le batterie di pentole o, come in questo caso, coperte con le maniche.

Una menzione onorevole al primo che nei commenti citerà almeno una sit-com dove questo prodotto viene omaggiato.

Fortunato Monti
Web & Social Marketer & Content Creator
fortunato.monti@gmail.com

Related posts:

  1. Troppo stupida, non può funzionare! Siete proprio sicuri?
  2. Le scarpe più costose del mondo: 15 milioni di dollari
  3. “Think small”: la pubblicità Volkswagen che cambiò il mondo dell’advertising
  4. La pubblicità non è una forma d’arte. Il protagonista non è il creativo