“Tanto di cappellino”: il guerrilla marketing “benefico” a Milano di Innocent a favore degli anziani

Mar 9th, 2021 | Di Redazione | Categoria: Unconvetional Marketing


Chi dice che i succhi di frutta non possano stare al “caldo”? Con la terza campagna benefica “Tanto di cappellino“, Innocent, azienda produttrice di succhi di frutta e smoothie, dal 15 febbraio 2021 ha dato il via alla distribuzione dei propri prodotti, accompagnati da un simpatico dettaglio.

I prodotti Innocent vengono presentati con un cappellino realizzato in lana colorata e vivace, che è possibile acquistare nel reparto fresco delle più grandi catene di distribuzione.

L’iniziativa benefica è a favore di Auser Lombardia, associazione che si occupa della promozione sociale a favore dell’inclusione e dell’assistenza per gli anziani. Per ogni smoothie acquistato, 20 centesimi saranno devoluti in beneficenza all’associazione, la quale utilizzerà il ricavato per attività di apprendimento e attività di tempo libero per gli anziani.

La produzione dei piccoli accessori per i prodotti Innocent è affidata a giovani, meno giovani, esperti o alle prime armi, dunque a chiunque sappia o voglia utilizzare uncinetto, ferri e lana di diversi colori, ma soprattutto che sappia dare sfogo alla propria fantasia.

Innocent, all’interno del proprio sito web, mette a disposizione una pratica guida, scaricabile, per ottenere consigli e dritte su come iniziare a utilizzare questi strumenti, indirizzata agli “sferruzzatori provetti”. Ci si può inoltre iscrivere al gruppo Facebook dedicato all’iniziativa per avere maggiori informazioni e consigli o affidarsi ai tutorial di YouTube.

L’idea di creare questi piccoli accessori nasce nel 2002, grazia alla creatività di Adam, uno dei tre membri fondatori dell’azienda, che insieme al team di marketing cercava di creare un’efficace campagna di promozione invernale per i propri prodotti. Da qui l’idea di creare questi colorati cappellini: «D’inverno le temperature sono rigide e i cappelli sono utilissimi per ovviare al problema. Perciò, perché non mettiamo cappellini di lana sugli smoothie?», le sue parole che è possibile leggere nel comunicato stampa

Per il lancio dell’iniziativa benefica e per il lancio dei prodotti nelle più grandi catene di distribuzione, Innocent ha ben pensato di intraprendere un’azione di guerrilla marketing a Milano. La stazione di Porta Genova è stata letteralmente invasa da cappelli e cappellini di varie dimensioni, apposti in vari luoghi, corredati di un bigliettino con su scritto: “Piccoli cappellini per una grande causa”. La campagna ha suscitato non poco interesse nei passanti che non hanno perso occasione per verificare di cosa si trattasse.

Related posts:

  1. Il guerrilla marketing della Comunità Astesana in favore del Palio di Asti
  2. Cantieri e proverbiali anziani: spunta il cartello degli “umarel”
  3. ‘Tanto è tutto Marketing’. Sfatiamo il mito?
  4. Merc. 27 Ottobre ad Arome Lifestyle – Milano la cerimonia di consegna degli ambiti Premi “Donna Marketing” e “Donna Comunicazione” giunti alla XVIII ediz.