The Gregory Project: cartelloni pubblicitari “sociali” come spazi abitativi

Ago 31st, 2018 | Di Altri | Categoria: Breaking News


Siamo abituati a guardare i bilboard stradali con gli occhi di esperti professionisti della comunicazione e del design. Ma non abbiamo mai pensato che questi immensi pannelli 6×3 potessero essere altro, soprattutto per persone bisognose e socialmente svantaggiate.

Arriva dalla Slovacchia la bellissima idea dello studio d’architettura “Design Develop” di aiutare le persone senza fissa dimora convertendo cartelloni pubblicitari in spazi abitativi attrezzati.

L’ispirazione è arrivata dal controverso e inumano sistema utilizzato a Londra per gestire il “problema” dei senzatetto attraverso l’installazione di spunzoni accuminati collocati al di fuori degli edifici per impedire che potessero trovare rifugio e dormirci accanto. Questa pratica, ormai bandita e resa illegale dal governo Inglese, è stata lo spunto che ha dato vita al “The Gregory Project “.

La campagna di sensibilizzazione si propone di aiutare le persone senza fissa dimora trasformando cartelloni pubblicitari stradali in spazi vivibili. Il design delle nuove abitazioni si basa sulla struttura portante dei tradizionali manifesti pubblicitari 6×3, di solito triangolare, che viene trasformata in un ambiente ospitante suddiviso in due stanze.

La prima funge da ingresso, cucina e camera da letto, la seconda contiene un bagno con lavandino, i sanitari wc e la doccia. Il design dell’abitazione è molto curato ed elegante, con l’uso sapiente di materiali quali il legno, il cemento e l’acciaio. La presenza di finestre offre un soggiorno confortevole, con tutte le comodità di cui ha bisogno una persona singola.

Related posts:

  1. Sassoli Upa: l’impatto del coronavirus su aziende ed investimenti pubblicitari
  2. A Roma spuntano i cartelloni: «Cercasi scambisti». Risolto l’enigma: sono di Popmove
  3. Un frigorifero con videocamera “osserva” i consumatori nel punto vendita e propone annunci pubblicitari mirati
  4. Crollano gli investimenti pubblicitari a marzo (-29%), male il primo trimestre (-9,2%). Nielsen: ma il bilancio 2020 non sarà a -20%