Top Manager Reputation. Sul podio Starace, Descalzi ed Elkann

Apr 8th, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Management


Resta in vetta alla classifica dei manager con la migliore reputazione Francesco Starace, Amministratore delegato dell’Enel, che si aggiudica un punteggio di 74 punti, al top della classifica dopo aver presentato agli analisti i risultati 2020 e il case study di Insead su Innovability di Enel, che ripercorre i progressi del gruppo in sostenibilità e innovazione.

E’ quanto si apprende dall’ultimo aggiornamento alla classifica Top Manager Reputation, l’Osservatorio permanente di Reputation Science.

Cresce invece di quattro posizioni l’Amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, raggiungendo il secondo posto con 71,45 punti, dopo la presentazione del piano strategico 2021-2024 e l’accordo con il Politecnico di Milano per la carbon neutrality.

Al terzo posto John Elkann alla guida di Stellantis, con 71,39 punti, grazie ai grossi investimenti per Alfa Romeo e Lancia e per la centralità di Italia e Torino nella crescita del nuovo Gruppo.

Quarto posto all’Ad di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina (66,41 punti), che ha indicato in sostenibilità, inclusione e contrasto alla povertà i temi centrali per la banca.

Fermo al quinto posto Giorgio Armani (65,55) seguito da Urbano Cairo (64,96), Fabrizio Palermo (60,93) di CDP e Matteo Del Fante (60,80) di Poste Italiane, mentre chiudono la “top ten” Gianfranco Battisti (60,63) di FS e Remo Raffini (60,47) di Moncler.

Da segnalare il salto di Renato Mazzoncini (59,40) di A2A dopo che Standard Ethics ha alzato l’outlook da stabile a positivo, inseguito da Marco Alverà (58,86) di Snam, Renzo Rosso (58,41) e Brunello Cucinelli ù(56,84) che guadagnano due posizioni.

Related posts:

  1. Top Manager Reputation: Starace, Elkann e Cairo sul podio
  2. Top Manager Reputation Ottobre 2020:podio per Starace, Elkann, Messina
  3. La reputazione dei politici sul web: Conte, Salvini e Meloni sul podio
  4. La web reputation dei ministri: resiste Bellanova, crollano Bonafede e Azzolina, si rafforza Boccia