Tornano in auge mullet e bowl cut e riportano allo hairstyle anni 80

Nov 16th, 2019 | Di Redazione | Categoria: Trend


Per l’autunno-inverno 2019-2020 sono stati proposti molti nuovi tagli di capelli. Le grandi protagoniste trend della stagione sono senza nessun dubbio le chiome corte: queste hanno uno stile vintage e sono ideali per le donne di tutte le età

Mullet e Bowl cut sono i must have dell’autunno. Così come diceva Vico con i suoi corsi e ricorsi storici si conferma il ritorno al passato.

Colori vintage e tagli di altri tempi.

Il Mullet ( nella foto) è ed è stato uno tra i tagli più criticati insieme al Bowl Cut. Attualmente sono tornati di moda.

Si tratta di un taglio parecchio sbarazzino e all’apparenza trasandato, che spesso risulta alquanto importabile. I capelli risultano più corti dietro e leggermente più lunghi davanti, il tutto accostato ad una frangetta estremamente piena.

Il mullet è un taglio unisex ed è stato sfoggiato negli anni ‘80 anche da Cindy Lauper e David Bowie: ultimamente ha scelto questa chioma anche l’attrice Úrsula Corberó.

Il Bowl Cut è tornato anch’esso in auge. Se pensate che il taglio a scodella sia impossibile da portare, vi sbagliate di grosso. Con delle piccole accortezze infatti, potete sfoggiare al meglio questo trend capelli destinato a rivivere momenti di gloria.

Charlize Theron sta portando un bel bowl cut: per chi non lo conoscesse, si tratta di una chioma molto corta e con la frangia xxs. L’attrice ha optato anche per una nuova tonalità: il castano. Il bowl cut è in grado di mettere in risalto i lineamenti del volto, quindi per questo motivo deve essere realizzato alla perfezione.

E non dimenticate di prestare attenzione anche al colore di capelli più adatto al vostro bowl cut, così da addolcirne lo styling geometrico e mercato e valorizzarlo ancora di più.

Related posts:

  1. Lezione dal Super Bowl: tutti i numeri da capogiro della sfida da 100 ilioni di spettatori
  2. Cher, (fashion) Icon a 73 anni per DSquared2
  3. Super Bowl: video da 5 milioni di dollari del Washington Post a difesa del giornalismo
  4. Samara Challenge in anticipo: a Tarquinia il fantasma di The Ring arrivò (scherzosamente) due anni fa!