Trasformare un gesto di violenza contro le donne in una campagna contro la violenza sulle donne

Gen 13th, 2019 | Di Altri | Categoria: Unusual Communication


Ci sono temi di cui è veramente difficile parlare. Che sia un articolo, una conversazione amichevole o altro. Ci sono argomenti di cui si parla troppo poco, o di cui non si parla affatto. Per paura, per disinformazione o per altro. La violenza sulle donne è uno di questi argomenti.

Sapevi che nel mondo una donna su tre ha subito un qualche tipo di violenza? E che meno di quattro su dieci riescono a chiedere aiuto? No, nemmeno io.

Aumentare informazione e consapevolezza in qualunque modo possibile e rendere un problema ritenuto privato e personale, pubblico e collettivo è una delle strade da percorrere.

Proprio con questo obiettivo si sono messi all’opera tre giovani creativi: Jennifer Garcia, Carl Larsson e Mishal Jagjivan.

Violenza sulle donne: la prova dei cartelloni pubblicitari

L’idea nasce sana e spontanea dall’osservazione che i cartelloni pubblicitari con protagoniste donne vengono coperti, puntualmente, con disegni osceni e storpiature: da baffi e peli sotto le ascelle ad offese fino a messaggi che incitano all’abuso sessuale.

Immagini che sarebbero rimaste, e rimangono, tutti i giorni sotto gli occhi di tutti. Come se ormai ci fossimo abituati, come se ormai fosse normale, come se ormai andasse quasi bene così.

Il trio creativo non ci sta, e si mette all’opera. Partendo dalle pubblicità imbrattate e dall’assunto che la violenza domestica è troppo spesso sottovalutata e poco conosciuta, i tre giovani riescono a far nascere una campagna di guerrilla marketing che risulta perfetta per aumentare la consapevolezza sul tema e per raggiungere un vastissimo numero di persone.

Approfittando del buio della notte, hanno aggiunto una cornice ai cartelloni imbrattati.Una cornice azzurra, molto semplice, che lascia ben vedere le offese ed i disegni, e con una semplice scritta nella parte superiore:
“”Se questo succede in pubblico, cosa succede in privato?”

Trasformare un gesto di violenza contro le donne in una campagna contro la violenza sulle donne: un’azione tanto semplice quanto poco scontata, che si spera possa davvero aiutare a contrastare la mancanza e la sbagliata informazione su un tema così delicato.

Perché, alla fine, se permettiamo pubblicamente e quotidianamente di imbrattare e lasciare offese sui cartelloni pubblicitari con donne come protagoniste, cosa succede realmente nel mondo privato?

Related posts:

  1. Sedici giorni di attivismo: la campagna Onu contro la violenza sulle donne
  2. Un “Posto occupato” all’ospedale Mauriziano di Torino contro la violenza sulle donne
  3. Zonta Club di Torino, contro la violenza sulle donne, colora di arancione l’acqua della fontana di piazza Cin
  4. WALL OF DOLLS: il Mondo della Moda contro la violenza sulle Donne