Trendy, sani, innovativi. La top 10 dei prodotti alimentari di cui sentiremo parlare molto nel 2020 (secondo Whole Foods Market un gigante del settore veg-naturale-bio)

Nov 13th, 2019 | Di Redazione | Categoria: Breaking News


Potrebbero essere previsioni che riguarderanno solo il mercato americano, ma, come spesso accade, con ritardo di qualche mese arriveranno anche in Europa, c’è da scommetterci. Parliamo dei food trend individuati da Whole Foods Market, impero dell’alimentazione naturale e biologica. Ogni anno l’azienda, grazie ad attente analisi dei consumi, stila la lista dei prodotti che saranno più in voga nel mondo alimentare.

Perlomeno in quella fetta di mercato che si rivolge al consumatore che fa scelte bio, eco o naturali ma non disdegna l’acquisto di preparati e alimenti pronti. Ecco dunque i 10 food trend 2020 secondo Whole Foods Market.

Food trend 2020, cosa riempirà il frigorifero

Agricoltura rigenerativa. L’Agricoltura Organica e Rigenerativa, è un tipo di coltivazione che approccia il tema della sostenibilità da molti punti di vista. In particolare, rivolge una speciale attenzione allo sfruttamento del suolo, adottando pratiche che non lo danneggiano e che valorizzino il territorio. ‘Rigenerazione’ è la parola chiave: del terreno, degli ecosistemi, della biodiversità, dei saperi tradizionali. Tutte le aziende la cui produzione deriva da questo tipo di agricoltura saranno sotto i riflettori.

Farine. Una nuova ondata di farine vegetali è in arrivo. Teff, banana, cavolfiore. Farine senza glutine, ricche di fibre e proteine, che daranno a snack, preparazioni e dolci una nuova veste.

Cibi dell’Africa occidentale. È il momento di scoprire la cucina di questa parte del mondo. Pomodori, peperoncini, cipolle, arachidi, erbe come la lemongrass (citronella). Ma anche ‘supercibi’ come la moringa. Il tamarindo. Cereali poco noti come il sopra citato teff, il sorgo, il miglio, il fonio. I prodotti più comuni dei paesi dell’Africa occidentale sono già una tendenza.

Snack freschi. Gli spuntini veloci sono fondamentali per chi ha uno stile di vita frenetico. Ma a merendine e salatini mordi e fuggi si preferiscono oggi snack freschi, da tenere in frigo. Salutari e soddisfacenti. Come uova sode con un topping goloso, mini-zuppe da bere, verdure e intingoli porzionati. E anche barrette energetiche, ma realizzate con frutta e verdura fresca, da cercare nel reparto frigo.

Non solo soia. Il mondo degli alimenti veg è dominato dalla soia. Ma il vento sta cambiando: arrivano nuove preparazioni che al suo posto utilizzano fagioli mungo, avocado, semi di canapa. Le proteine vegetali si aggiornano e aumentano le proposte nel settore.

I preparati sono innovativi

‘Burri’ e prodotti spalmabili. Tutto ciò che si può spalmare, che assume la consistenza di una crema burrosa, è nella top ten. Oltre al burro di arachidi e di mandorle arriva quello di noci di macadamia. Di ceci (no, non è hummus, è ‘burro’ di ceci) e persino di anguria.

Menu bimbi. Ripensare il menu dei bambini, perché sia invitante, giocoso, ma anche sano. Ecco che le crocchette con polli da allevamento organico. Pesce non-impanato ma dalle forme divertenti. Pasta è fatta con farine alternative (vedi al secondo punto).

Nuovi zuccheri. Tra i food trend 2020 arrivano nuovi prodotti per zuccherare caffè, bevande e dolci. Sciroppi realizzati con gli zuccheri della frutta (datteri, cocco, melograno). O da amidi come quello delle patate, del sorgo. Melasse.

‘Carne’ vegetale. Da tempo si parla di prodotti innovativi in grado di replicare perfettamente la carne pur essendo completamente vegetali. Una fetta di mercato in espansione, che si sta prendendo molto sul serio. Le implicazioni per l’industria della carne, e quindi per l’ecosistema tutto, sarebbero enormi. Il tema è decisamente ‘caldo’.

Drink analcolici. Cocktail senza alcol e bevande che soddisfano quanto un aperitivo pur non avendo alcuna gradazione. Gin-tonic senza gin? Sì: queste bevande sono realizzate usando processi di distillazione che evocano il sapore dei propri drink preferiti. Ma sono a prova di astemio.

Related posts:

  1. Le abitudini di consumo della “Masterchef generation” secondo l’Unione Italiana Food
  2. I 15 negozi più innovativi del mondo
  3. “Hello Beauty”: è on line lo studio di LOW con lo scenario e i trend 2018 del settore beauty a livello globale.
  4. Il David di Michelangelo (a grandezza naturale) in piazza San Babila sorprende Milano