Tutti gli sponsor della Champions League

La Champions League, la competizione più seguita d’Europa e probabilmente del Mondo è

molto ambita dalle grandi aziende internazionali, vedendo questo calcio elitario come l’opportunità perfetta per mettersi in luce e aumentare la propria visibilità.

Ad oggi, le aziende capaci di stringere accordi commerciali con la UEFA e che godranno in prima linea del match di domani sono:

  • Heineken
  • Play Station
  • Mastercard
  • FedEx
  • Just Eat
  • Expedia
  • Pepsico (Lay’s, Pepsi, Gatorade)

Tra questi non figurano più Gazprom, Nissan e la Banca Santander.

Se per quanto riguarda la casa automobilistica nipponica e la banca iberica si può tranquillamente parlare della normale conclusione delle partnership commerciali,dopo gli accordi in essere degli ultimi anni, ben più tortuoso è il discorso legato alla multinazionale russa, essendo questa bandita dalle competizioni ufficiali europee come conseguenza della guerra in Ucraina.

Fatto di cronaca che, oltretutto, ha decretato lo spostamento della finale da San Pietroburgo e la Gazprom Arena, a Parigi e il suo Stade de France.

L’azienda attiva nel settore energetico-minerario rappresenta infatti una delle problematiche più serie che la UEFA ha dovuto affrontare nei mesi scorsi.

Dopo essere diventata proprietaria dello Zenit San Pietroburgo, la Gazprom, gruppo che detiene le maggiori riserve di gas naturale del mondo, era stata capace di approdare in modo molto deciso nel mondo del pallone, unendosi anche a Schalke 04 e Stella Rossa.

Un divorzio, quindi, tutt’altro che semplice e indolore, considerando la portata dell’azienda, ma che non ha lasciato la Champions League scoperta.

Nell’elenco dei partner, infatti, come visto, figurano grandi realtà come la Heineken, storico sponsor della competizione, celebre anche per le proprie pubblicità, aventi proprio la coppa dalle grandi orecchie come tema centrale.

Nonchè il gruppo Pepsico, azienda multinazionale statunitense, proprietaria dei marchi, tra gli altri, Lay’s, Pepsi e Gatorade.

Per l’attività, partner della Champions League dal 2015, l’attivazione più visibile durante la finale sarà la cerimonia di apertura sponsorizzata proprio da Pepsi, che quest’anno sarà condotta da Camila Cabello.

Ma oltre a questo, Mark Kirkham, senior vice president e chief marketing officer di Pepsico, ha voluto sottolineare, in un’intervista a SportPromedia, l’importanza di dare risonanza a tutti i marchi del gruppo, coinvolgendo ciascuno in modo differente.

Includendo l’uso di risorse di sponsorizzazione tradizionali, come i pannelli a LED per Pepsi, per mostrare messaggi sul riciclaggio, ma anche sforzi più sostanziali come il campo Lay’s RePlay, una superficie parzialmente fatta di pacchetti di patatine riutilizzati, presentata a Torino prima della finale di Champions League femminile della scorsa settimana.

Inoltre, una delle principali attivazioni dell’azienda per il march sarà la finale dell’iniziativa Gatorade 5v5, un torneo globale per ragazze e ragazzi, di età compresa tra i 14 e i 16 anni.

 

Contatti

Address

Via Andrea Costa 7, Milano, 20131 Milano IT

Phone

Phone: +39 02.2610052

Email

redazione@marketingjournal.it