Una geniale campagna di Guerrilla Marketing contro la violenza sulle donne

Ott 8th, 2020 | Di Redazione | Categoria: Pubblicità Sociale


Come trasformare un gesto di violenza contro le donne in una campagna contro la violenza sulle donne

“Se questo succede in pubblico, cosa succede in privato?” E’ quello che recita e si chiede il billboard ( nella foto) posizionato a Parigi

Ci sono temi di cui è veramente difficile parlare. Che sia un articolo, una conversazione amichevole o altro. Ci sono argomenti di cui si parla troppo poco, o di cui non si parla affatto. Per paura, per disinformazione o per altro. La violenza sulle donne è uno di questi argomenti.

Sapevi che nel mondo una donna su tre ha subito un qualche tipo di violenza? E che meno di quattro su dieci riescono a chiedere aiuto? No, nemmeno io.

Aumentare informazione e consapevolezza in qualunque modo possibile e rendere un problema ritenuto privato e personale, pubblico e collettivo è una delle strade da percorrere.

Proprio con questo obiettivo si sono messi all’opera tre giovani creativi: Jennifer Garcia, Carl Larsson e Mishal Jagjivan.

Related posts:

  1. Trasformare un gesto di violenza contro le donne in una campagna contro la violenza sulle donne
  2. Refuge contro la violenza sulle donne
  3. A Capri spuntano due enormi scarpe rosse dentro una gabbia per dire no alla violenza sulle donne
  4. Panchine rosse, cortei, mostre, corsi: un 25 novembre di iniziative in tutta Italia per la giornata mondiale contro la violenza sulle donne