‘Unrating Vienna’. La geniale campagna che utilizza i commenti negativi per promuovere la città

Ago 28th, 2019 | Di Redazione | Categoria: Unusual Communication


L’Ufficio turistico di Vienna sbeffeggia le recensioni negative sulla città tramite la campagna “Unrating Vienna”. Le recensioni sono in giro per Londra, su cartelloni, stazioni della metro, fermate degli autobus.

Unrating Vienna è il nome della campagna non convenzionale ed assolutamente inusuale che sovrapponendo i commenti negativi alle immagini delle opere e delle bellezze locali, ottiene un impatto istantaneo sul pubblico. Un effetto ironico e allo stempo tempo grottesco legato alla oggettiva ed indiscutibile bellezza delle immagini raffrontate a commenti evidentemente fuori luogo. Così, paradossalmente, il commento negativo finisce per avere l’effetto di promuovere l’attrazione turistica piuttosto che screditarla.

Da questo concept sono nati i cartelloni pubblicitari che hanno avuto subito un gran successo: una gita romantica sul Danubio affiancata a una recensione che la definisce “noiosa”, una foto del parco di Schönbrunn con il suo prato definito “disordinato”, le immagini del Prater con la recensione di chi lo considera “spazzatura”, un turista che si lamenta della mancanza di caffè takeaway, le frasi di chi definisce “disgustosi” i dipinti del Leopold Museum.

Il tutto accompagnato dallo slogan provocatorio: “Dunque, chi decide cosa ti piace?” recita lo slogan della campagna, che si rivolge direttamente all’osservatore per chiamarlo a riflettere in maniera attiva sulle sue scelte senza farsi influenzare dai giudizi del web, giudicati inaffidabili dall’iniziativa. Si sostiene, giustamente, che per conoscere una città va visitata.

Related posts:

  1. Tra le 10 città più visitate d’Europa, Milano è quinta ed al sedicesimo posto nel mondo
  2. #tuttoquestoungiornosaràtuo, la campagna contro il cambiamento climatico
  3. Will Smith, per la prima volta impegnato in una campagna pubblicitaria, è il nuovo testimonial di Moncler
  4. BMW ha inventato una finta festività per promuovere la Z4 in Cina