Vending: innovazione e tecnologie

Mar 19th, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Marketing


Alla macchinetta del caffè si può pagare contactless. E partecipare al cashback

Leader in Europa

Quasi un milione di macchine installate: per la precisione 820 mila, distribuite tra uffici pubblici, aziende private, scuole e università. Ma anche aeroporti, stazioni e addirittura in qualche piazza. L’Italia è leader in Europa per il numero di vendor machine, davanti a Francia (611 mila) e Germania (593 mila).

Naturalmente, nell’anno della pandemia, il business del settore è crollato, soprattutto nei mesi del lockdown della scorsa primavera (meno 40% a marzo; meno 60% ad aprile) per chiudere nel complesso il 2020 con un calo del giro d’affari che è arrivato al 30%. Eppure, dalla crisi il settore sta ripartendo grazie a una regola d’oro: l’innovazione.

«La situazione ha evidenziato nuove esigenze dal mercato e ha stimolato anche lo sviluppo di nuove tecnologie», spiega Massimo Trapletti, presidente di Confida, l’associazione delle aziende attive nella distribuzione automatica, che aderisce a Confcommercio. Il primato italiano nei numeri nasce anche dal fatto che «le tecnologie delle vending machine sono in prevalenza italiane ed esportate in tutto il mondo», sostiene il presidente.

Chiavetta evoluta

Le novità più rilevanti portano la sfida su tre terreni strategici: modalità di pagamento, sicurezza e ambiente, servizi più innovativi. Le aziende del vending hanno realizzato delle app che permettono di scegliere e poi pagare i prodotti presenti nel distributore senza mai toccarlo. La modalità «contactless» passa attraverso lo smartphone.

A sviluppare queste soluzioni ci hanno pensato azienda come Bianchi industry, Evoca group o Fas. C’è chi, è il caso di Coges, ha inventato la chiavetta del caffè evoluta che si connette alla rete internet e permette di pagare o inviare un feedback sulla qualità dei prodotti nel distributore o sul servizio. Mentre CPI ha sviluppato un sistema per i pagamenti cashless, una soluzione con un grande touchscreen e un’interfaccia utente personalizzabile.

Per pagare con un QrCode c’è il sistema di QSave Elkey, sempre tramite lo smartphone e un’autorizzazione al pagamento. Infine, sempre Coges ha messo a punto un lettore di carte di credito che consente di ottenere il cashback di Stato anche sui distributori automatici.

Distributori con l’antivirus

E’ diventata una priorità. In particolare, la necessità di sanificare le superfici e i vani in cui vengono riposti i prodotti o erogate le bevande liquide. Ecco che Bianchi industry, GPE e Magex hanno integrato nei distributori automatici alcuni meccanismi di igienizzazione, che proteggono da virus e batteri a partire da lampade a raggi UV-C per sanificare il vano di prelievo dei bicchieri, dopo ogni erogazione.

Una identica tecnologia con raggi ultravioletti «sparati» sulle superfici è attuata da Bwt e viene usata per disinfettare e debatterizzare l’acqua nei nuovi distributori connessi alla rete idrica urbana.

Infine, per le macchine refrigerate, Epta ha progettato una gamma di venditori automatici a gas propano R290, più efficiente ma anche più ecologico di quelli tradizionali: permette una riduzione del carbon footprint e un maggior risparmio energetico.

Mense ed enoteche

Nelle enoteche automatiche progettate da Magex si vendono bottiglie di vetro in varie dimensioni, comprese le magnum. La Fas ha pensato al servizio mensa: un sistema integrato per gestire la ristorazione che permette di automatizzare la distribuzione.

Come funziona? Un software consente di scegliere il menù online che poi viene elaborato in maniera automatica. Infine, ci sono vendor machine per aree pubbliche ad alta frequentazione.

Bianchi ne ha progettata una in formato extra large capace di erogare snack e bevande ma soprattutto con un sistema anti-vandalico a vetro temprato. Guardando ad altri prodotti, il gruppo Evoca ha lanciato «Safety First» un distributore automatico di mascherine e dispositivi di sicurezza.

E Rhea ha creato con il regista Davide Livermore un distributore automatico multimediale, con schermo da 49 pollici che, tramite una app coinvolge nei 32 secondi di attesa per l’erogazione del caffè, in un evento che coniuga arte, teatro e musica.

di di Fabio Sottocornola su

Related posts:

  1. Le comunicazioni nel 2050 . Che Tecnologie useremo per comunicare?
  2. Innovazione di business: 5 top trend per il 2021
  3. Cinque motivi perchè le tecnologie non potranno mai battere gli eventi dal vivo
  4. Nel segno dell’innovazione: nasce Inter Podcast