Video first nella comunicazione digitale

Mag 6th, 2020 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B


Solo pochi anni fa, un contenuto testuale di alta qualità era tutto quello che si poteva desiderare per migliorare il proprio web marketing. Oggi però, per poterci considerare ancora dei vincenti e non rischiare di essere tagliati fuori dal mercato è indispensabile implementare la nostra strategia di comunicazione digitale con video e infografiche. Dalla regola aurea del “mobile friendly” al consiglio del “Video First”.

Secondo Forbes, l’uso dei video sarà il trend principale che caratterizzerà il marketing nei prossimi mesi. Non ci credete? Allora sappiate che sono di più i brand che sembrano aver compreso l’importanza di un approccio video first e hanno cominciato a inserire dei video al centro della loro strategia di comunicazione digitale.

Quelli video sono tra i contenuti più versatili su cui un’azienda possa far affidamento. I contenuti video (se ben usati), come fanno notare dal Content Marketing Institute, sono immediatamente condivisibili sui principali social network cosi da essere in grado di generare un maggior numero d’interazioni rispetto a qualunque altra tipologia di post.

Quali sono le aziende leader nel panorama del content video marketing? Chi sono i leader della comunicazione digitale video first?

Da un’analisi del mercato italiano i risultati migliori sembrano essere quelli ottenuti da Red Bull. Con il 13% di tutti i contenuti digitali in formato video e 21 tag aziendali su 29 coperti da almeno uno di questi il brand Toro Rosso è sicuramente uno dei soggetti leader nel panorama della digital Communication. Secondo gli uffici stampa della Red Bull, infatti, i video sono lo strumento più efficace per veicolare i valori del brand.

“D’accordo i video della Red Bull sono splendidi, ma loro sono una grande realtà e noi solo una piccola azienda di provincia! Perché quindi implementare la nostra comunicazione digitale con dei contenuti video?

In primo luogo l’importanza ricoperta da Youtube nel mondo. L’azienda con sede a San Bruno in California è oggi il secondo più grande motore di ricerca al mondo dopo Google.

In secondo luogo non possiamo che ricordare come i video hanno 53 volte più probabilità di presentarsi nella prima pagina dei risultati di ricerca, aumentando il tasso di conversione dei nostri contenuti di quasi il 300%.

I video possiedono infatti la caratteristica di essere immediatamente fruibili, veloci, chiari, e semplici da realizzare e da montare, anche se per ottenere un prodotto di qualità è consigliabile chiedere SEMPRE consiglio a un videomaker o comunque a un esperto in visual content. I contenuti di video marketing quindi sono in grado di veicolare un maggior traffico verso il nostro sito, aumentando il numero di lead e quindi di conversioni.

Quali sono i fattori che caratterizzano una corretta strategia di video marketing?

Abbiamo analizzato i principali contenuti video che negli ultimi mesi hanno “dominato” il settore del marketing. Tutte le migliori campagne sono caratterizzate da tre fattori:

Scatenano emozioni: le persone vengono coinvolte con video che puntano sulle emozioni, siano esse rabbia, tristezza, felicità.

Danno risposte: le persone hanno un problema o cercano informazioni più dettagliate su un determinato argomento, il video risolve i problemi e fornisce le informazioni necessarie.

Sono dei prodotti che per loro stessa natura possono diventare virali: l’obbiettivo è stupire e far parlare, far si che gli utenti siano portati a condividere i nostri contenuti per motivi anche molto diversi e non necessariamente legati al nostro business aziendale.

Mauro Melis su https://blog.uniproacademy.com

Related posts:

  1. Social Media Marketing - Marketer nella rivoluzione digitale
  2. I video marketing trends per il 2020
  3. C’è qualcosa di nuovo, oggi, nel marketing e nella comunicazione, anzi d’antico
  4. Ecco i social media trend del 2019: Social listening, Video marketing, Micro-Influencer, Personalizzazione, Tempestività