Vignette e illustrazioni nella pubblicità come strumento di marketing

Ott 12th, 2020 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Comunicazione, Marketing


Ironizzare, non solo sui prodotti o brand, ma anche su se stessi fa bene allo spirito ed alla salute. Essere seri sul lavoro, si!, ma non prendersi troppo sul serio nella vita.

Si dice che un’immagine racconti più di mille parole. Forse non è vero in assoluto, ma nel mondo del marketing l’utilizzo di immagini curate dà sicuramente i suoi frutti. Nella strategia dei brand, la componente visiva è diventata ancora più importante da quando i social sono diventati il principale canale di comunicazione con il consumatore.

Sui social, si sa, le immagini fanno da padrone: un tweet accompagnato da una foto riceve più retweet; un post Facebook che includa un’immagine attraente conquista più like.

E’ il potere del visual nel marketing.

Comunicazione visiva nel marketing

La prima forma di comunicazione, quella che ci accompagna dalla più tenera età, è affidata alle immagini: ancor prima di imparare a leggere e a parlare, i bambini imparano a comprendere le immagini. Il nostro cervello impiega infatti molto meno tempo e molta meno energia a processare un contenuto visivo rispetto a un testo.

Per essere più precisi: il cervello impiega un decimo di secondo a comprendere un’immagine e un minuto a leggere 200-250 parole. Un’immagine ha quindi un impatto immediato su chi la osserva e rimane impressa nella memoria molto più a lungo rispetto a informazioni lette o ascoltate.

Ci sono immagini e immagini, però. Noi qui non parliamo di immagini stock, parliamo di contenuti prodotti ad hoc per il brand.

Un contenuto visivo di qualità deve:

- Rispecchiare l’identità del marchio.
- Essere vicino all’universo del proprio target di riferimento, così da stabilire una connessione con il pubblico.
- Essere riconoscibile. Un contenuto visivo originale rimanda al brand anche senza aggiungere il logo.
- Suscitare emozioni. Le immagini possono commuovere, rassicurare, strappare una risata. Ogni brand che conosca bene il suo target di riferimento sa su quali emozioni deve puntare.
- Essere esteticamente curato. Sembrerà un’ovvietà, ma nessuno presta attenzione a contenuti visivi che non risaltino al primo colpo d’occhio.
- Essere sintetico. Le immagini hanno il grande potere di “mostrare” concetti anche piuttosto complessi. Evitate quindi di creare immagini troppo descrittive, poiché rischieranno di diventare di difficile lettura e quindi poco immediate.

Perché usare le vignette nel marketing?

Stanco delle solite fotografie o di anonime creazioni grafiche? Affidati a una vignetta umoristica per le tue campagne di marketing.

- Originalità delle vignette: una vignetta è sempre originale, perché creata appositamente per te secondo le tue direttive.
- Immediatezza del messaggio: una singola scena o un personaggio riescono a condensare il messaggio che vuoi dare ai tuoi clienti.
- Facilità di condivisione: è più probabile che una vignetta venga condivisa rispetto a un’immagine scaricata da siti di foto gratuite.
- Massima personalizzazione: con una foto devi adattare il tuo messaggio all’immagine scaricata, con una vignetta avviene invece l’esatto contrario.
- L’umorismo funziona sempre: una vignetta fa sorridere, mette di buonumore, incuriosisce e cattura l’attenzione.
- Velocità di memorizzazione: proprio per l’immediatezza del suo messaggio, una vignetta si memorizza e si ricorda velocemente.

Come usare le vignette nel marketing

Non ci sono limiti a come usare le vignette umoristiche nella tua strategia di marketing: il limite è solo la tua immaginazione.

- Campagne promozionali
- Inserzioni pubblicitarie su Facebook
- Articoli del blog
- Slide e presentazioni PowerPoint
- Banner pubblicitari su siti web
- Volantini e Depliant
- Infografiche
- Newsletter
- Pagine pubblicitarie su giornali e riviste

Se vogliamo puntare tutto su immagini di qualità bisogna affidarsi a chi, di immagini di qualità, se ne intende. Stiamo pensando, per esempio, a Marketoonist.

Tom Fishburne è il fondatore di Marketoonist, un’agenzia specializzata in vignette per il marketing. Tom disegna da 20 anni e le sue illustrazioni sono diventate famose in tutto il mondo: sono apparse sul Wall Street Journal, su Fast Company e sul New York Times, su un cartellone pubblicitario a Times Square e hanno fatto capolino in una presentazione segretissima dell’NSA (National Security Agency, organismo governativo degli Stati Uniti d’America) pubblicata da Edward Snowden.

Sul sito di Marketoonist ( https://marketoonist.com/campaigns) campeggia il motto – rivisitato – con cui abbiamo iniziato questo articolo: “Se un’immagine racconta più di mille parole, un marketoon racconta più di mille diapositive powerpoint noiose”

Le vignette nella tua strategia di content marketing

La creazione di contenuti per il web per diffondere il proprio nome, acquisire clienti interessati, ottenere traffico mirato al proprio sito e guadagnare la fiducia dei propri clienti è una delle operazioni di web marketing.

Sono ormai numerose le aziende e le realtà professionali online che richiedono vignette umoristiche come supporto per la propria strategia di content marketing: dall’uso di vignette a corredo di articoli di blog, a illustrazioni umoristiche per ebook, presentazioni e slide, white paper e newsletter.

Quante volte hai visto le vignette nella pubblicità? Anche se a nessuno piace vedere messaggi pubblicitari nei giornali o nelle riviste, la pubblicità è utile per chi vende e per chi acquista.

Eppure esiste un modo per rendere piacevoli e anche interessanti i messaggi pubblicitari sui quotidiani o sulle tante riviste che troviamo in edicola.

Creare delle mini storie a fumetti, come se ne vedevano un tempo, e neanche tanto lontano. Molte aziende americane hanno pubblicizzato e pubblicizzano ancora i loro prodotti con strisce a fumetti: tè, caffè, bibite, automobili, detersivi, sigarette…

In Italia basti pensare alle tante storielle a fumetti create da Jacovitti per i gelati, la carne in scatola, i salumi, i canali TV, gli isolanti termici, ecc.

Benefici delle vignette nella pubblicità

Vuoi conoscere quali vantaggi otterrai pubblicizzando i tuoi prodotti con vignette e strisce umoristiche a fumetti?

- Semplicità di realizzazione: le vignette ti permettono di creare qualsiasi tipo di messaggio pubblicitario; grazie ai disegni umoristici non ci sono limiti sulle scene da realizzare.
- Maggior risparmio economico: quanto spendi ingaggiando attori, macchinari, allestendo set cinematografici? Le tue pubblicità ideate con vignette e strisce a fumetti ti fanno risparmiare una gran quantità di denaro.
- Curiosità nei lettori: fumetti e vignette funzionano come magneti, attraggono l’attenzione dei lettori e aumentano le probabilità che la pubblicità dei tuoi prodotti sia notata.
- Maggior fidelizzazione col prodotto: i personaggi umoristici delle vignette e delle strisce resteranno nella memoria dei lettori, che li collegheranno immediatamente al prodotto reclamizzato.

Perché usare vignette e strisce a fumetti negli annunci pubblicitari

Vignette umoristiche per pubblicità

Quanto pensi che duri l’attenzione del cliente? Usare vignette nella pubblicità significa soprattutto semplificare il messaggio che vuoi trasmettere ai tuoi clienti, che diventa così più comprensibile, e velocizzare il processo di vendita.

Una vignetta umoristica può rendere il contenuto pubblicitario non solo più semplice, ma anche più appetibile.

Un altro beneficio delle vignette nella pubblicità è la capacità di rendere meno pesanti alcuni prodotti e argomenti, come particolari medicinali o accessori e dispositivi per disabili. Una vignetta lancia il messaggio in modo più delicato.

Strisce a fumetti umoristiche per pubblicità

Incorporare fumetti nelle pubblicità è stata inizialmente un’idea dei produttori di caramelle e giocattoli, che crearono vistosi e colorati annunci pubblicitari, ma furono ben presto imitati da altri imprenditori.

Il fumetto divenne un mezzo per piazzare le pubblicità dei propri prodotti in modo originale e divertente.

Anche se oggi la tecnologia ha trasformato i mezzi di comunicazione, i fumetti nella pubblicità continuano a esser creati, perché sono un mezzo popolare ancora apprezzato che unisce disegni e narrazione.

Il grande Lorenzo Marini, il principe della pubblicità italiana, scrisse in un suo libro: “visto che una immagine vale più di mille parole, la prossima volta disegno!

Danilo Arlenghi
Pres. ClubMC
Pres. Party Round GReen
Editore Marketing JOurnal
tel mob: +39 393 9402049
daniloarlenghi@partyround.it

Related posts:

  1. Quantcast: come gestire la frequenza nella pubblicità online
  2. 10 motivi per investire nella pubblicità sugli eSport nel 2020
  3. Mobile Marketing: ritorno al futuro con gli SMS strumento altamente performante
  4. C’è qualcosa di nuovo, oggi, nel marketing e nella comunicazione, anzi d’antico