Virkill, il tessuto che batte il coronavirus

Apr 15th, 2021 | Di Redazione | Categoria: CATEGORIA B, Prodotti e Servizi Innovativi


Si chiama Virkill ed è il primo tessuto completamente made in Italy a prova di coronavirus grazie all’impiego di nano-particelle di rame, un materiale in grado di eliminare virus e batteri, fuse all’interno del filato.

Una vera e propria rivoluzione quella nata dai laboratori della Italtex di Cabiate, dove da tempo stavano lavorando alla creazione di un tessuto antibatterico in grado garantire risultati migliori e soprattutto più duraturi rispetto ai trattamenti ai quali sono sottoposti i capi di abbigliamento in fase di finalizzazione.

“Virkill si pone come obiettivo l’eliminazione della trasmissione del virus attraverso le superfici contaminate – spiega Alessandro Pedretti, amministratore delegato dell’azienda tessile brianzola - Sappiamo infatti da studi autorevoli che il Sars-Cov-2, come tanti altri virus, rimane attivo per diverso tempo fuori dall’organismo, sulle superfici e sui tessuti. Il nostro tessuto contiene al suo interno, fuse nel filato, delle nano-particelle di rame capaci di mantenere le loro caratteristiche antivirali nel tempo ben oltre i risultati consentiti dai trattamenti tradizionali che si deteriorano con i lavaggi.

Elementi invisibili all’occhio umano, ma che hanno la capacità di uccidere il Covid-19 grazie a caratteristiche naturali che sono state testate negli ultimi mesi da laboratori indipendenti italiani e inglesi”.

Related posts:

  1. Cifra presenta la prima collezione di athleisure antibatterico e antivirale
  2. Al via la Milano fashion week ‘Phygital’. Batte Londra e New York come numero di eventi
  3. La Birra è il nuovo simbolo della socialità responsabile e batte anche il caffè
  4. Undertourism e turismo di prossimità, le nuove tendenze per viaggiare ai tempi del Coronavirus