Vivi Acitrezza - sorprendente flashmob ai semafori catanesi: la cartolina umana

Mag 13th, 2021 | Di Redazione | Categoria: UAU Communication

Una ssensazionale azione di street marketing in stile #uaucommunication andata in scena ai semafori più trafficati della città di Catania.

Allo scattare del rosso, alcuni performer hanno inscenato un momento di vita marinara “travestendosi” da faraglioni, onde e barcaiolo, in una sorta di cartolina umana. Nel frattempo, le reazioni divertite e incredule di automobilisti e passanti sono state immortalate in un video.

L’ obiettivo era vivacizzare il borgo marinaro di Acitrezza anche durante la stagione fredda. Questo progetto di marketing territoriale (che si svilupperà poi tutto l’anno, non solo in inverno) è stato patrocinato dal Comune di Acicastello con la sponsorship di Sicilia’s Cafe de Mar, noto ristorante sul lungomare di Acitrezza. L’iniziativa è stata un successo:

- Il video viene condiviso sui social network e in pochi giorni supera già le 5000 visualizzazioni su Youtube diventando virale.
- Viene creata la fan page Vivi Acitrezza che in 24 ore sfonda la soglia dei 1000 Mi Piace. La pagina diventa una comunità di fan e cittadini locali interessati a valorizzare e a promuovere al meglio il paese.
- Il progetto viene presentato in conferenza stampa con le istituzioni cittadine e Vivi Acitrezza finisce nei servizi dei tg locali, nei blog e nei giornali online. Una risonanza mediatica importante.

Vivi Acitrezza fa parlare di sé, genera passaparola e, di conseguenza, grandi numeri in termini di visibilità e contatti.

Non importa, quindi, che voi dobbiate promuovere un prodotto, un servizio o persino un territorio: Avete già pensato alla vostra prossima campagna di marketing non convenzionale?

Related posts:

  1. Street marketing Vivi Acitrezza: sorprendente video ai semafori
  2. Manila Grace lancia il nuovo spot tv “Vivi la tua vita, vivi Manila Grace”
  3. A Saronno, guerrilla marketing per segnalatori acustici sui semafori per non vedenti
  4. La reputazione cambia identità: nei brand la dimensione umana