We Planet 2020: cento globi d’artista hanno colorato il centro di Milano

Lug 4th, 2020 | Di Redazione | Categoria: Unconvetional Marketing


Attesissima a primavera 2020 è stata l’installazione diffusa We Planet. 100 globi per un futuro sostenibile.

Un’esposizione d’arte pubblica, contemporanea, open air, sostenibile e interattiva, realizzata insieme con il Gruppo Mondadori e Mediamond e il Patrocinio del Comune di Milano e della Regione Lombardia.

Il progetto in modalità guerrilla marketing ha preso vita dal 12 aprile al 21 giugno 2020 con cento installazioni ecosostenibili sparse in punti diversi del centro di Milano - e più avanti anche in altre città del mondo.

Con l’obiettivo di sensibilizzare il maggior numero di persone sui temi del cambiamento climatico e dell’ecosostenibilità.

Grandi globi di un metro e trenta per uno e settanta, realizzati da studenti dello Ied, dell’accademia di Brera, della scuola Marangoni e della Naba in materiale riciclato, hanno colorato la città.

Due di questi (nella foto): uno è stato creato dal designer Giulio Cappellini insieme con l’artista Antonio Facco. Su di esso campeggia la scritta Save Milano bella. Il secondo pianeta, avvolto da radici nodose, è opera dell’artista Fabio Pietrantonio.

Gli altri, sempre in materiale riciclato, sono stati dipinti su tela da vari artisti, che hanno interpretato a modo loro i temi dell’inquinamento, del cambiamento climatico e dell’innovazione sostenibile.

Una sorta di bottega rinascimentale aprirà il 24 ottobre al Laboratorio alla Stazione Centrale a Milano, di Grandi Stazioni Retail, che ha aderito all’iniziativa. Qui grazie alla realtà aumentata il pubblico potrà inquadrare l’opera con il cellulare e conoscere com’è stata creata, saperne di più sull’artista, i mecenati (cioè le aziende che l’hanno adottata), il loro concetto di sostenibilità.

Al termine della manifestazione, il 29 giugno, alcune delle opere dell’edizione 2020 di We Planet, prima selezionate da un comitato artistico, sono state battute all’asta benefica organizzata da Sotheby’s.

I proventi saranno devoluti al Comune di Milano per la realizzazione di un progetto green per la città.

«Dobbiamo tutelare e difendere la nostra Terra; essere sostenibili non è più procrastinabile visto lo stato di salute del nostro pianeta», ha spiegato Paolo Casserà, ideatore del progetto Weplanet (e dodici anni fa della Cow Parade, le mucche colorate esposte all’aperto in molte città di Europa).

Related posts:

  1. A Milano arriva ‘Naturist Tour’, la visita in cui artista e pubblico sono nudi: è la prima volta in Italia
  2. Girlshop.it porta i ragazzi-oggetto nel centro di Milano
  3. “Raffaello 2020” – La mostra multimediale alla scoperta dell’artista di Urbino
  4. Conto alla rovescia per la BIT 2019 con 1.300 espositori e oltre cento destinazioni