Will Smith e la guerrilla per Aladdin

Giu 8th, 2019 | Di Redazione | Categoria: UAU Communication

L’ex Man in Black canta e balla live al semaforo e lo fa per promuovere, in maniera non convenzionale, il nuovo “Aladdin”

Le vie della promozione cinematografica sono infinite. E se non dovessero bastare un cast eccezionale, l’effetto nostalgia che un remake porta sempre con sé, milioni di euro investiti in attività di PR, le ospitate televisive e, sì, anche quelle inevitabili polemiche che non di rado si trasformano in entrate al botteghino, guerrilla marketing e altre forme di marketing non convenzionale possono fare la loro parte.

Aladdin, il live-action ispirato al cartone Disney degli anni Novanta e già campione d’incassi a pochi giorni dall’uscita nelle sale (24 maggio 2019) non si è fatto mancare nulla, compresa una performance live di Will Smith e gli altri membri del cast per le strade di Los Angeles.

Il pretesto? L’ospitata di Mena Massoud, Naomi Scott e Will Smith – rispettivamente Aladdin, la principessa Jasmine e il Genio, nella pellicola – in una puntata di “The Late Late Show”, il late show di James Corden.

Complice un format già sperimentato in altre occasioni durante la trasmissione, quello del crosswalk musical e cioè del musical che si fa sulle strisce pedonali nel tempo di un rosso al semaforo, il guerrilla marketing per Aladdin è stato presto servito.

In costume e con tanto di effetti speciali come lanciafiamme e tappeti volanti, il cast e un insolito James Corden che ha svestito i panni del conduttore e vestito quelli della scimmietta fida compagna di Aladdin hanno regalato agli automobilisti di Los Angeles una live performance dei brani più amati del film, da “Friend Like Me” a “Prince Ali” e “A Whole New World”.

Il tutto nel tempo, appunto, di un semaforo rosso e senza che siano mancati tra l’altro richiami alla sicurezza in strada: “guai a chiudere gli occhi, perché il traffico è reale” ha sottolineato il conduttore a tutti i partecipanti.

Related posts:

  1. L’esempio di Aladdin con Will Smith al semaforo: fare marketing non convenzionale per promuover un film, perché funziona?