WineTrade Monitor: i risultati della indagine sulle tendenze mondiali del vino

Mar 6th, 2020 | Di Redazione | Categoria: Indagini e Sondaggi


Sopexa, agenzia specializzata nel Food & Drink a livello internazionale, ha reso ufficiali i risultati del Wine Trade Monitor 2019. Di seguito viene fornita una panoramica dei risultati dello studio presentato a WINE PARIS nel febbraio scorso.

984 importatori, grossisti e rivenditori hanno preso parte allo studio esaminando sette mercati: Belgio, Cina – Continente, Cina – Hong Kong, Germania, Cina continentale, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti. Wine Trade Monitor 2019 è stato supportato da Wine Paris, un importante evento internazionale dell’industria vinicola realizzata a Parigi nel febbraio scorso.

Quali paesi sono elencati più frequentemente dai professionisti?

Francia, Italia e Spagna sono al comando: questi sono i paesi di origine più popolari nelle gamme di vini vendute in tutto il mondo. I vini australiani mantengono una forte presenza nella Cina continentale mentre i vini francesi hanno perso terreno in Belgio. Infine, in Cina, la popolarità dei vini spagnoli è diminuita.

Qual è il livello di fiducia tra i professionisti per quanto riguarda le prospettive di vendita future?

Tre mercati si distinguono per l’ottimismo dei professionisti del vino: la maggior parte degli intervistati negli Stati Uniti, in Germania e in Giappone prevede una crescita nei prossimi 2 anni. Al contrario, gli intervistati nel Regno Unito sono in gran parte pessimisti e il 44% prevede un calo del mercato.

Previsioni di vendita fino al 2021

Mentre Italia e Francia condividono il primo posto in termini di potenziale di crescita, secondo quattro intervistati su dieci, in alcuni mercati, le prospettive per la Francia sono meno rosee in alcuni mercati. Nella Cina continentale, gli intervistati credono che i vini australiani abbiano il futuro più luminoso (citato dal 60% degli intervistati), seguiti dai vini cileni (46% degli intervistati) e dai vini italiani (42%).

In Giappone, per la prima volta, i vini locali vedranno la maggiore crescita delle vendite secondo i professionisti del settore intervistati. Il 40% degli intervistati pone i vini locali davanti ai vini francesi (36% degli intervistati) e ai vini italiani (24%).

Nel Regno Unito, le previsioni indicano che i vini dell’emisfero meridionale trarranno pieno vantaggio dalla Brexit. Secondo i professionisti del commercio del vino nel Regno Unito, la Brexit andrà principalmente a beneficio dei paesi produttori di vino al di fuori dell’Europa: il 53% degli intervistati prevede una crescita per i vini cileni, il 45% per i vini australiani e il 40% per i vini argentini

Immagine del vino per paese di origine

Francia, paese vitivinicolo per eccellenza: in termini di immagine globale, tenendo conto di tutti i criteri di immagine, la Francia continua a dominare il primo posto in base al commercio del vino e molto più avanti dei suoi concorrenti: il 59% degli intervistati ritiene che i vini francesi abbiano l’immagine più positiva. La Francia è in testa per la maggior parte dei criteri, in particolare per i “vini di tutti i giorni”, i “vini certificati biologici”, i “prodotti sostenibili” e le “campagne promozionali nazionali di successo”. L’Italia, in seconda posizione, è significativamente indietro, nominata complessivamente dall’11% degli intervistati.

Vini biologici e biodinamici lasciano il segno

Per il 42% dei professionisti intervistati, i vini biologici e biodinamici sono la categoria di tendenza per i prossimi due anni, in vista dei vini regionali (28%). Il commercio del vino nel Regno Unito e negli Stati Uniti ha aspettative particolarmente elevate per la categoria, con il 63% e il 58% di professionisti che prevedono rispettivamente una crescita in questo settore. Solo la Cina continentale contrasta questa tendenza importante.

I vini a bassa gradazione alcolica emergono bene nei due principali mercati europei: il 35% degli intervistati in Germania e il 24% nel Regno Unito vedono il potenziale in questa categoria, che si prevede vedrà la seconda crescita più alta nei prossimi due anni. Il fascino dei vini rosati cala negli Stati Uniti: dopo diversi anni di popolarità sostenuta, solo il 13% degli intervistati statunitensi si aspetta una crescita in questa categoria.
Le grandi tipologie vinicole

Vini rossi: tutti i francesi Top 4: le 4 regioni che vedono la maggiore crescita in base al commercio del vino sono tutte francesi: Bordeaux, Linguadoca, Borgogna e Rodano.

Vini bianchi: i primi 4 sono rimasti invariati negli ultimi due anni, dominati da Marlborough e dalla Loira

Vini rosati: una prospettiva rosea per il rosé della Provenza: il 67% dei professionisti del settore colloca la Provenza tra i primi 3 nella categoria rosati.

Bollicine: i primi 4 posti sono contesi con forza, con l’immagine che varia in modo significativo in tutto il mondo. Il Prosecco rimane il vincitore eccezionale e le caratteristiche tra i primi 3 attori in ogni mercato esaminato.

Per il resto del mercato scintillante, le previsioni di crescita variano in modo significativo. Le speranze sono alte per Cava in Giappone e negli Stati Uniti, e in misura minore in Belgio, mentre la grande maggioranza degli intervistati in Germania e nel Regno Unito prevede una crescita futura per la categoria Cremant. Lo Champagne continuerà a funzionare bene nella Cina continentale e nella Cina-Hong Kong.
Dinamica della varietà di uva

Un quadro stabile: a livello globale, i 4 vitigni classici – Cabernet Sauvignon, Pinot nero, Chardonnay e Merlot – dovrebbero continuare a vedere la domanda maggiore nei prossimi due anni.

Related posts:

  1. Trust in Communicators: i risultati 2019 della ricerca Euprera
  2. I regali di Natale delle aziende: salgono vino e dolci, scendono i viaggi
  3. Havas Media rilascia i risultati della quarta wave sul cambiamento delle nostre abitudini
  4. Per il 2018 l’Italia si conferma primo produttore di vino al mondo